Condividi

Femminicidio, a Caccamo un parco giochi e il Premio nazionale “Roberta Siragusa” | VIDEO

martedì 13 Aprile 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Un riconoscimento a livello nazionale che ogni anno verrà assegnato a chi si sarà distinto nella lotta contro ogni forma di violenza sulle donne. E’ il sindaco di Caccamo (Pa), Nicasio Di Cola, ad annunciare il Premio “Roberta Siragusa” voluto per sensibilizzare e contrastare l’ignobile fenomeno del femminicidio, tenendo viva la memoria di Roberta. Si tratta solo dell’ultima iniziativa voluta dall’ Amministrazione comunale, in memoria della diciassettenne trovata morta lo scorso 24 gennaio nelle campagne del comune del palermitano.

“Le procedure – dice Di Cola – sono state già avviate. Verrà nominata una giuria che si occuperà di esaminare le richieste che arriveranno per procedere poi all’assegnazione del premio alla persona più meritevole. La cerimonia potrebbe svolgersi il 25 novembre, la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Sono passati poco più di due mesi dall’omicidio di Roberta Siragusa, la diciassettenne trovata morta lo scorso 24 gennaio nelle campagne di Caccamo, nel palermitano. Un femminicidio ancora avvolto nel mistero. L’ex fidanzato, Pietro Morreale, al momento unico indagato per la morte di Roberta, resta in carcere e continua a non rispondere agli inquirenti, dichiarandosi innocente. Dalla Procura di Termini non trapela nulla sull’inchiesta. Si sa soltanto che l’ incidente probatorio che si sarebbe dovuto tenere pochi giorni fa, è stato rinviato a maggio e che serviranno altri 40 giorni al medico legale incaricato dell’autopsia sul corpo della ragazza, per depositare i risultati degli accertamenti fatti.

Quel che è certo è che Caccamo, non ha mai dimenticato la giovane concittadina. Fin dall’inizio, l’intera comunità si è stretta attorno al dolore della famiglia Siragusa. Nonostante lo sgomento, si sono moltiplicate le iniziative in memoria di Roberta e di condanna di ogni forma di violenza sulle donne.

Oltre all’istituzione di un premio nazionale, pochi giorni fa è stato intitolato a Roberta Siragusa, un parco giochi all’interno della villa comunale di via Carmine e dove è stata posizionata anche una panchina rossa, simbolo della campagna di sensibilizzazione contro il femminicidio, con il nome della ragazza brutalmente uccisa.

Sulla pagina Facebook del Comune, un post recita: Dedicato alla nostra Roberta e alla sua eterna eleganza.  Dedicato alla sua vita violentemente spezzata, ai suoi sogni infranti, ai suoi desideri e a i suoi ricordi. Dedicato ai piccoli, ai giovani come lei, ai bambini come lo è stata lei, per ricordare, per mai dimenticare che “d’amore non si muore”.

“L’iniziativa – dichiara il Sindaco-  è nata dal fatto che tutti siamo rimasti sconvolti da questa tragedia enorme.

Sindaco di Caccamo
Nicasio Di Cola

L’Amministrazione comunale per mantenere viva la memoria di Roberta, ha deciso di intitolarle il nuovo parco giochi per bambini. Per l’occasione abbiamo ritenuto opportuno coinvolgere tutte le istituzioni locali che hanno partecipato attivamente all’evento. La cerimonia è stata molto apprezzata sia dalle persone intervenute che dalla cittadinanza che ha potuto seguire la manifestazione in diretta streaming. 

Alla cerimonia di inaugurazione oltre alla famiglia della ragazza, c’erano anche i suoi amici che le hanno dedicato alcuni brani e gli alunni delle scuole del paese. In particolare, gli studenti della IIIª C della scuola media, guidati dalla professoressa Enza  Passafiume, hanno realizzato un murales che raffigura delle calle, fiori simbolo di bellezza eterna e una farfalla emblema di speranza e libertà, sempre nel ricordo di Roberta.

 

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.