Condividi

Frantoi Cutrera, il Programma di Sviluppo Rurale a sostegno dell’oleificio degli antichi sapori

lunedì 28 Dicembre 2020

La famiglia Cutrera

Frantoi Cutrera è un’attività a conduzione familiare che si trova a Chiaramonte Gulfi (RG) sui Monti Iblei. Custode di una tradizione secolare legata alla coltivazione dell’oliva e alla sua trasformazione in olio, l’attività è oggi gestita da Maria, Giusy e Salvatore Cutrera che portano avanti l’azienda con una visione in cui le antiche usanze olearie sono declinate all’interno di un modello di sostenibilità basato sulle lavorazioni a basso impatto ambientale. Ciò ha permesso ai Frantoi Cutrera a di ottenere 600 diversi riconoscimenti negli ultimi 20 anni.

La produzione dell’olio extravergine d’oliva, parte dalla raccolta di olive esclusivamente verdi portate in frantoio entro poche ore dalla raccolta, il cui frutto della lavorazione è conservato a temperatura controllata e imbottigliato in camere sterili. Ciò consente di mantenere al prodotto le sue caratteristiche chimiche e organolettiche lungo la sua intera shelf-life e di avere un gusto dall’inconfondibile fruttato, con un amaro e un piccante presenti ma equilibrati.

L’offerta di Frantoi Cutrera è vastissima e comprende una gamma di olii d’oliva pregiatissimi e di diverse tipologie. Tra questi vi sono le selezioni (blend di Oli Extra Vergini di Oliva siciliani); il Frescolio; la linea Primo, le monocultuvar; gli aromatizzati (tartufo bianco, rosmarino, peperoncino, limone, basilico, arancia e aglio); il Paladini, imbottigliato in ceramica di Caltagirone e il Mille, prodotto da arbusti secolari di olivastro selvatico che crescono spontaneamente sulle rive di torrenti e ruscelli nel territorio dei Monti Iblei.

Grazie ai fondi del PSR Sicilia 2014/2020 l’azienda ha potuto espandere i suoi orizzonti produttivi applicando la sua esperienza anche nel settore delle conserve, con la creazione della linea “Segreti di Sicilia”, che racconta la cultura gastronomica del Mediterraneo, seguendo le ricette della famiglia e utilizzando ingredienti e tecniche di cottura capaci di preservare intatte le caratteristiche organolettiche e nutraceutiche.

Ciò ha dato vita ad una ricca gamma di scelta che comprende la caponata di carciofi o di melanzane, le olive alla contadina, le nere infornate del frantoiano e le olive in salamoia. Tra le conserve sott’olio invece spiccano cuori di carciofo, olive, tonno, alici, bruschette classiche, pomodorino fresco e secco, crema di carciofo, capuliatu, basilico, pistacchio e mandorle. Un’offerta che esprime un salto importante di qualità per un’azienda che da sempre valorizza la materia prima e le tradizioni della sua terra.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.