Condividi

Gela, venticinque milioni per il piano di riqualificazione industriale: “Possono essere solo un acconto”

martedì 21 Agosto 2018
gela

Da mesi esprimiamo preoccupazione per il trattamento che lo Stato e la Regione stavano per destinare all’accordo di Programma che, partendo da Gela, si estende per 23 Comuni che vanno anche ben al di là della provincia di Caltanissetta. Cgil, Cisl e Uil più volte abbiamo scritto lettere pubbliche, richieste di incontro al Presidente della Regione Musumeci, convocato i Sindaci coinvolti registrando una diffusa partecipazione e la perenne assenza dell’amministrazione comunale di Gela, la stessa che elogia con notevole entusiasmo i 25 milioni da destinare a piccoli e medi progetti” questa le parole dei sindacati dopo che la giunta Musumeci ha dato l’ok per il Piano di riqualificazione e riconversione industriale di Gela che adesso passa alla fase attuativa che verrà gestita da Invitalia.

gelaCgil Cisl Uil fanno appello al Sindaco ed al Presidente della Regione affinché a settembre non si sigilli nessun accordo “ci si fermi così da evitare di chiudere un accordo di programma al ribasso, figlio di una logica “politica” del contentino, del treno che passa ed è meglio prenderlo, per poi scoprire che il treno non è passato, è fermo in una stazione abbandonata. Ci permettiamo di insistere e possiamo argomentare la nostra indignazione per chi sostiene che i 25 milioni sono un grande risultato, dovrebbe farsi qualche calcolo matematico per convincersi che a Gela, Caltanissetta e tutti gli altri Comuni medi e piccoli con mini investimenti non se ne fanno nulla”.

Ci chiediamo: ma veramente qualche politico pensa che lo sviluppo complementare all’Eni passa attraverso questi mini investimenti? È sostenibile e coerente la richiesta diffusa che noi percepiamo di conoscere il piano di riqualificazione del personale dato che siamo stati noi a chiedere ed ottenere il censimento completo dei lavoratori dell’indotto per capire dove orientare la formazione? È possibile sostenere che bisogna incentivare start up di giovani con brillanti idee da immettere sul mercato globale che magari andando in banca non hanno accesso al credito e qualcuno (lo Stato) deve studiare il metodo per finanziare questi progetti? Ma quella che doveva essere una “lezione morale” ed anche socio economica, pensiamo al fallimento di tutti i progetti finanziari dalla legge 488, contratto d’area, patto per l’agricoltura, non ha insegnato nulla al ceto politico?

Queste e tante altre argomentazioni non ideologiche bensì pratiche ci portano a formulare l’ennesimo invito alle Istituzioni di rivendicare più flusso economico agganciato ad un robusto sistema di vigilanza sul sistema di spesa che deve essere rigido per evitare il famoso assalto dei furbi al denaro pubblico, lo stesso sistema che tiene viva la triste questione meridionale.  Noi, caro ceto politico, non ci rassegniamo all’idea che per rilanciare i Comuni che rappresentano  l’8%  della popolazione Siciliana, quindi più di 400 mila abitanti, sono utili 25 milioni di euro.

Al Sindaco ed al Presidente della Regione – conclude la nota dei sindacati –  chiediamo che le Istituzioni oltre a ricordarsi del nostro territorio, inizino a salvarlo dal precipizio perché di questo si tratta! Per noi i 25 milioni valgono come timido acconto e non come accordo da firmare”.

LEGGI ANCHE:

Gela: la Regione approva il piano di riqualificazione industriale

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.