Condividi
La denuncia

Gravi ritardi nelle politiche sociali, Cgil e Spi Sicilia lanciano l’allarme: “La Sicilia rischia di perdere i finanziamenti nazionali”

mercoledì 26 Giugno 2024

Tra “ritardi nella spesa da parte dei distretti socio-sanitari, mancato intervento della regione e superficialità del ministero competente, che ha approvato linee guida che non rispondono ai criteri stabiliti dal ministero stesso, la Sicilia rischia di perdere i finanziamenti nazionali per le politiche sociali del triennio 2022/2024 e di quelli successivi. L’avvento dell’autonomia differenziata renderebbe in questo contesto ancora più fragile se non addirittura inesistente il sistema del welfare nella nostra regione“. Lo denunciano la Cgil e lo Spi Sicilia in una nota a firma di Francesco Lucchesi ed Elvira Morana (Cgil), Maria Concetta Balistreri e Pippo Di Natale (Spi), inviata alla ministra del lavoro e delle politiche sociali, al presidente della Regione e alla giunta regionale.

In mancanza della rendicontazione della spesa da parte dei distretti socio-sanitari per almeno il 75%  “non si potrà accedere ai finanziamenti delle annualità successive – ricorda la nota – non rendendo di fatto operativi i livelli essenziali di processo e di sistema previsti dal Fondo nazionale per il contrasto alla povertà e dal Fondo nazionale per la non autosufficienza allo scopo di omogenizzare il godimento dei diritti su tutto il territorio nazionale“.

Cgil e Spi rilevano l’incongruenza data dal fatto che “il governo nazionale legifera sul taglio dei trasferimenti in assenza della rendicontazione del 75% e contemporaneamente prevede la preliminare definizione dei Lep per l’autonomia differenziata. Questo rivela – sostengono gli esponenti di Cgil e Spi – che non tiene affatto conto delle difficoltà che vivono i comuni della nostra regione, 147 su 391 commissariati, 69 in dissesto e 43 in predissesto. Il tutto come sempre nel silenzio delle istituzioni regionali“.

Cgil e Spi Sicilia chiedono “l’individuazione in modo trasparente e condiviso di soluzioni per superare l’impasse che si va  a determinare e uscire dal loop, a tutela degli uomini, delle donne, dei bambini, degli immigrati, dei disabili della Sicilia. Il governo regionale- sostengono i sindacalisti- non può sottovalutare o ignorare la partita che si gioca sulla pelle dei più fragili, e i rischi che si corrono nel totale disinteresse del governo nazionale“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.