Condividi

I giovani italiani non hanno futuro, ed è solo colpa vostra!

lunedì 22 Novembre 2021

Avete tolto ai giovani italiani la speranza di un futuro, e siete così ipocriti da non avere il coraggio di ammettere che è soltanto colpa vostra: la colpa ricade soltanto su di voi, e sulle vostre scelte scellerate, che hanno ucciso il futuro dei giovani, distrutti nei loro sogni e nelle loro speranze dalla pressione fiscale che non siete stati in grado di calmierare, dalla burocrazia, dal vostro stupido e falso moralismo, che ha cercato di dimostrare una superiorità che, a conti fatti, non è mai esistita davvero.

Ho visto miei amici andarsene via, scappare in Germania, altri in Irlanda e in Romania, lontani dai loro affetti, dalle loro fidanzate, dalle madri, dalle nonne, in cerca di quel futuro che gli avete strappato senza nessun pudore: avevano aperto una Partita Iva qui in Italia, alla ricerca della realizzazione delle proprie aspirazioni e dei propri sogni professionali, ma li vedevo arrancare con duecentotrenta Euro al mese su cinquemila Euro all’anno di fatturato azzerato dai Contributi Inps, pari ad oltre Duemila Euro, e dalla tassazione al quindici percento dopo i primi anni al cinque percento. All’inizio era già difficile guadagnare qualcosa, ma dopo è diventato veramente impossibile, soprattutto in tempi di Covid, soprattutto senza nessun aiuto.

Così avete ucciso i nostri sogni, così avete strappato le nostre ali e ce le avete deturpate per sempre: state ore a blaterare dai vostri scranni, e vi lamentate se i giovani vanno a fare impresa altrove, ma nessuno di voi si azzarda a commentare i dati impietosi che fa segnare l’Italia in tema di pressione fiscale. Stiamo parlando del 48,2%, come emerge dalla “Analisi della pressione fiscale in Italia, in Europa e nel mondo. Struttura ed evoluzione dei principali indicatori di politica sociale” curata dal Consiglio e della Fondazione nazionale dei commercialisti.

Il nostro Paese è – cito testualmente – “il Paese più tartassato dal Fisco in tutta Europa”, e ancora vi permettete di sparare parole random, a raffica. E ve lo dico con tutta la rabbia che ho dentro, con tutto lo sdegno più grande che un giovane possa provare, non soltanto per il futuro che mi e ci avete scippato, ma anche per il dolore che provo nel vedere andare via i giovani, quasi sicuramente per sempre. Dove eravate quando dovevo consolare madri e nonne di questi giovani, quando asciugavo le loro lacrime nel vedere andare via i loro figli, quando, ancora oggi, parlo con queste donne e mi raccontano la loro sofferenza e la loro solitudine? Dove sono le vostre belle parole, i vostri meravigliosi proclami politici fatti di quella demagogia così insensata e così piena di parole vuote?

Ho visto le lacrime dei miei amici quando, sia in tempi di crisi pandemica, ma anche prima, non sapevano come fare a versare migliaia di Euro di contributi, e mi ripetevano “credimi, me ne scappo di qua, me ne vado via!” Finché, un bel giorno, quel coraggio lo hanno trovato, e sono andati via, verso altri lidi, verso altre nazioni, dove le cose funzionano meglio, dove tutto è maggiormente flessibile, dove i giovani vengono valorizzati veramente, e dove, probabilmente, c’è molta meno ipocrisia di quanta non ce ne sia qui, in mezzo a queste frasi vuote utili solo per la ricerca dei consensi elettorali.

Ve la urlo con tutta la voce che ho la mia rabbia, per avermi strappato via i miei amici migliori, per averli fatti andare via. Ma soprattutto, non posso non pensare alle lacrime di quei genitori e di quelle nonne. Ve lo assicuro: quelle non hanno prezzo, e sono le più difficili da mandare giù e da perdonare… Ci avete rubato il futuro, e la colpa è soltanto vostra.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, scuole, riscaldamenti e pulizia: dai minisindaci le segnalazioni alla II circoscrizione CLICCA PER IL VIDEO

Fotografare lo stato di salute delle scuole elementari della II circoscrizione di Palermo attraverso lo sguardo attento degli stessi alunni. E, allo stesso tempo, avvicinare i più piccoli alla politica, spiegando come funziona la macchina amministrativa.

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.