Condividi

Il presidente di Arpa Sicilia Vazzana alla commissione parlamentare: “Illeciti penali soprattutto nella gestione dei fanghi”

martedì 8 Settembre 2020

La Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati (Commissione Ecomafie) ha audito il direttore generale di Arpa Sicilia Francesco Vazzana, accompagnato dai tecnici e i responsabili dei controlli dell’agenzia. L’audizione rientra nell’ambito dell’approfondimento della Commissione sulla depurazione delle acque reflue.

Gli auditi hanno riferito in merito alla situazione degli impianti di depurazione dei reflui urbani nella parte occidentale dell’isola (province di Palermo, Trapani, Agrigento). Secondo le informazioni fornite, gli impianti sono in gran parte vetusti: le principali criticità riguardano i depuratori costieri, per il maggiore carico estivo connesso alla presenza di turisti. In molti casi, stando a quanto dichiarato dagli auditi, gli impianti costieri effettuano solo un pretrattamento dei reflui e scaricano poi a mare attraverso una condotta sottomarina: nei casi tuttavia di rottura di quest’ultima, possono verificarsi gravi disagi per la balneazione, la pesca e l’itticoltura. Critica anche la situazione delle isole in provincia di Trapani dove, secondo quanto riferito, solo in un paio di casi esistono impianti di depurazione delle acque, che effettuano tuttavia solo un pretrattamento dei reflui.

Riguardo invece alla gestione dei fanghi, i rappresentanti di Arpa Sicilia hanno riferito che ci sono criticità connesse alla cattiva gestione dei depositi temporanei, la difficoltà di trovare impianti per lo smaltimento dei fanghi, la non corretta gestione della depurazione, smaltimenti illeciti dei fanghi, compreso lo sversamento nello scarico delle acque depurate. Secondo quanto riferito, gli illeciti penali riscontrati da Arpa Sicilia negli impianti riguardano soprattutto proprio la gestione dei fanghi.

Dall’audizione sono emerse anche altre criticità che contribuiscono a rendere più difficili i controlli: da un lato, la carenza di organico dell’agenzia; dall’altro, la legislazione regionale sulla depurazione dei reflui che, secondo quanto è stato riferito, non è aggiornata e non risulta in linea con la normativa nazionale.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.