Condividi

Ilva, dalla Puglia ad Augusta 32 mila tonnellate di polverino

mercoledì 7 Dicembre 2016

Un carico di 32 mila tonnellate di rifiuti speciali spediti dall’Ilva di Taranto e scaricati ad Augusta, in provincia di Siracusa,”senza che nessuno ne sapesse nulla e aggirando le decisioni del Parlamento“. A denunciarlo è stato il deputato regionale Vincenzo Vinciullo. “Ieri in commissione Territorio Ambiente, convocata su mia richiesta, è stata fatta chiarezza sull’arrivo, all’insaputa di tutti, di sostanze definite rifiuti speciali ma non pericolosi – dice Vinciullo – Ho contestato il fatto che sia stata disattesa la risoluzione n. 22 della commissione Ambiente che aveva invitato il governo regionale a vigilare affinché non arrivasse più, senza l’accordo con i soggetti responsabili della provincia di Siracusa, materiale proveniente dall’Ilva di Taranto”.

Poi addita il ministero, reo di avere consentito di prevaricare le disposizioni del Parlamento siciliano “facendo sbarcare il polverino a Catania e non più ad Augusta”.

E dire, che mentre il ministero dell’Ambiente, sembra essere così solerte verso altre Regioni, quando vengono a scaricare rifiuti speciali in Sicilia – aggiunge Vinciullo- la stessa solerzia non la dimostra quando si tratta di autorizzare la Regione Siciliana a disinquinare l’area di Marina di Melilli, dove una società, ha perfino dichiarato di essere disponibile a bonificare anticipando le risorse e assumendo il personale ex Siteco”.

In commissione è stata approvata una risoluzione proposta da Vinciullo e firmata anche dalla deputata Pd Marika Cirone De Marco e dal deputato M5s Giampiero Trizzino, che impegna il governo “ad attivarsi immediatamente per bloccare l’arrivo indiscriminato di rifiuti nella nostra Regione e costituire un tavolo di concertazione al fine di creare le condizioni ottimali per gestire i rapporti con lo Stato“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.