Condividi
vittime della Mafia

In ricordo di Biagio Siciliano e Giuditta Milella

venerdì 25 Novembre 2022

Il 25 novembre del 1985 rimane un ricordo indelebile nella coscienza civile dei palermitani che risveglia emozione e commozione. Non si può dimenticare la tragedia di quel giorno quando due ragazzi appena usciti dal liceo Meli si recarono come ogni giorno alla fermata dell’autobus nel marciapiede di fronte alla loro scuola.

All’improvviso la tragedia. Una delle macchine di scorta del giudice Paolo Borsellino, percorrendo la corsia preferenziale, dopo avere superato il semaforo di Piazza Croci, striscia contro una macchina che procedeva in senso inverso e, sbandando paurosamente, piomba sul gruppo di ragazzi che attendevano l’autobus. Moltissimi saranno i feriti, Biagio Siciliano di appena 14 anni morirà all’istante e Giuditta Milella di anni 7 si spegnerà dopo una settimana.

Questa è la ricostruzione di quel terribile avvenimento che con Maurizio Scaglione abbiamo descritto nel libro Mafia senza onore.

Sì perché anche questi ragazzi sono vittime innocenti di quel clima di violenza e di paura che Cosa Nostra aveva instaurato a Palermo, una città assediata, blindata, quasi in assetto di guerra.

Nel libro riordiamo le grida, i pianti la rabbia degli studenti, la protesta verso i poliziotti e l’intervento del preside Aldo Zanca che scende immediatamente tra i ragazzi per confortarli ed evitare una spaccatura tra i giovani, tra la città le forze dell’ordine.

Dirà infatti: “Sono profondamente addolorato e tuttavia mi auguro che questo incidente non venga strumentalizzato per privare magistrati e poliziotti, impegnati nella lotta alla mafia. Del necessario consenso e sostegno della parte sana di Palermo”.

Biagio e Giuditta sono, infatti da ricordare come vittime innocenti anch’esse cadute sul fronte della lotta alla mafia. Per questo il modo migliore per onorarle è di continuare con il vigore necessario la lotta alla mafia per assicurare alle future generazioni una città, una terra libera dalla violenza dalla prepotenza dai soprusi e affermare quei valori di libertà, di civiltà e di solidarietà per cui Biagio e Giuditta hanno sacrificato la loro vita.

ELIO SANFILIPPO

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, assessore Cannella: “La luce e Santa Rosalia protagoniste del Natale 2022” CLICCA PER IL VIDEO

In un’intervista per ilSicilia.it l’assessore alle Politiche culturali del Comune di Palermo, Giampiero Cannella, svela qualche anticipazione sul Natale 2022. E sulla Gam…

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.