Condividi

La scena musicale Off al Montevergini tra vinili e politica: “No Palermo”

venerdì 9 Dicembre 2016
“No Palermo” non è solo è uno spettacolo, è un progetto che intende rappresentare la scena musicale off  palermitana: un fitto sottobosco di gruppi e progetti individuali che spaziano dall’elettronica all’improvvisazione elettrica, passando per elementi di musica concreta, atonale, psichedelica, realistica attraverso declinazioni metal, punk, rock, electro e di varia altra contemporaneità. “No Palermo” è anche un album che racchiude trentacinque anni di una certa storia del fare musica a Palermo.
Sabato 10 dicembre, dalle 20, il disco verrà presentato al teatro Montevergini con l’esibizione di diversi artisti presenti nel progetto musicale: Il primo output è una compilation, in formato doppio LP in vinile, che racchiude 25 composizioni per altrettanti progetti, curata da Qanat Records, Brusio Netlabel e Almendra Music. Il disco è prodotto interamente “dal basso”, senza finanziamenti esterni e senza intermediazioni di società di crowdfunding o simili. Si tratta, al di là delle apparenti differenze, di un movimento musicale complessivo ben radicato a Palermo, e che anzi, assecondandone forse lo spirito artigianale della Città, costituisce una delle cifre artistico-espressive più originali e diffuse, radicata in una lunga tradizione di improvvisazioni dialettali, di teatro da strada e di babbìo.
Occupato teatro Montevergini a PalermoDalla “liberazione” ad adesso il Montevergini ha ospitato tantissime attività sociali, artistiche e culturali: proiezioni di film e incontro con registi (Davide Gambino, Davide Vigore, Salvo Cuccia, Riccardo Cannella, Ruben Monterosso, Federico Savonitto), mostre fotografiche e di pittura, concerti, laboratori e spettacoli teatrali fino agli incontri con altre realtà sociali e politiche.
Dal punto di vista politico nell’ultimo mese abbiamo avviato un percorso sul “neomunicipalismo”, partito con due giorni di incontri assembleari con L’Asilo di Napoli e che avrà come prossimo appuntamento un incontro con la Federazione Municipale di Base di Spezzano Albanese il 17 dicembre – commentano i ragazzi dell’Assemblea – in questi due mesi di liberazione siamo stati capaci di trasformare in fatti una proposta politica coraggiosa e inedita: avviare un processo di cura collettiva di uno spazio (il Montevergini) attraverso la partecipazione attiva dei cittadini e un modello gestionale orizzontale e partecipativo. Ancora oggi abbiamo tuttavia a disposizione soltanto una sala e pensiamo che sia assurdo che l’amministrazione continui a tenere chiuse le altre. Riteniamo che sia un danno erariale perchè si nega ai cittadini la possibilità di usufruire di un luogo che è un bene comune e che come tale andrebbe gestito, agli artisti si negano dei mezzi di produzione perchè le sale prove permetterebbero di preparare il lavoro artistico – concludono – Abbiamo scritto un regolamento d’uso civico del Montevergini. Aspettiamo un prossimo incontro con l’amministrazione, forti del fatto che stiamo andando nella giusta direzione e la partecipazione dei cittadini ne è la dimostrazione”. 
 
All’ingresso sarà possibile acquistare il disco altrimenti si potrà versare una sottoscrizione libera (minimo 2 €). Sul palco del Montevergini Liberato, a partire dalle 20 si esibiranno: Dario Lo Cicero, Otopodo, Quindicidiciotto, Stasi, Fighting About Nervs, Your Noisy Neighbors, Giovanni Di Giandomenico e Aladin Ilou. 
 
Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.