Condividi

L’Ars chiude i battenti, cala il sipario su una legislatura da dimenticare

giovedì 7 Settembre 2017

L’ultima seduta di una legislatura (poco) gloriosa all’Ars è prevista per il prossimo 19 settembre. Intanto, a causa della scarsa operosità dell’Aula e dell’inagibilità politica della maggioranza che sostiene il governo, importanti appuntamenti legislativi sono rimasti al palo.

Le conseguenze più immediate  riguardano la fusione  Cas-Anas, la Formazione professionale, la legge di riordino del settore dei rifiuti e quella di riforma del Turismo voluta dall’assessore Barbagallo. Questo solo per citare alcuni dei casi concreti, i cui effetti negativi potrebbero essere apprezzabili a breve. Per quanto riguarda infatti l’obbligo formativo mancano all’appello 15 milioni di euro per  i corsi ex Oif.

Da Roma sono arrivati 14 milioni  per il finanziamento dei corsi ordinari, più altri quattro per il sistema duale. Di queste risorse un milione e mezzo è servito a finanziare il bando per l’apprendistato di primo livello. 330 giovani negli istituti tecnico-professionali, agrari, alberghieri,  che studiano e lavorano e saranno coinvolti negli istituti. Per ogni ragazzo utilizzato le ditte ricevono 500 euro e le risorse relative ai tutor aziendali.

L’Assemblea regionale, nei mesi scorsi aveva tagliato il finanziamento per i corsi ex Oif da 25 milioni di euro a 10. In un primo momento 9 milioni della dotazione vennero rimodulati per l’assistenza ai disabili, scendendo così a 16 milioni. Poi, un ulteriore taglio operato in commissione Bilancio ha portato la dotazione a 10 milioni in totale. Oltre a ciò la Regione, nella Formazione deve restituire allo Stato ogni anno tre milioni di euro per somme che non erano in precedenza tornate indietro a Roma. Ecco dunque che la cifra di 10 milioni si riduce alla fine a 7.

Criticità elevate in prospettiva anche per la vicenda del Consorzio autostradale siciliano. Il disegno di legge originario è stato ridimensionato e prevede l’autorizzazione al CAS  di potersi trasformare in società per azioni. Per quanto riguarda le successive aggregazioni e d eventuali fusioni, prima di tutte quella con l’Anas, questo potrà avvenire in un secondo momento con un apprezzamento da parte del prossimo governo regionale, con una approfondita analisi di parametri e dei piani industriali che andranno ad essere valutati. L’Anas presenterebbe dal canto suo la possibilità di integrare con i propri quadri gli organici del Consorzio, garantendo un importantecontributo in termini di progettazione e direzione dei lavori.

La legge sul turismo puntava invece a regolare il settore, in particolare sotto l’aspetto che prevedeva sanzioni per chi utilizzava lavoratori in nero nel settore alberghiero.

Travagliata e rimasta al suo destino anche la riforma dell’organo di gestione del settore rifiuti in Sicilia, su base regionale, che avrebbe dovuto coordinare al meglio le società d’ambito e le Srr (gli ex Ato). La corsa a  individuare le responsabilità adesso incrocerà il fuoco di fila della campagna elettorale con un prevedibile gioco di rinfacci a cui si appassioneranno poco tutti. I primi gli elettori.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.