Condividi
Sala d'Ercole

Le opposizioni chiedono una commissione d’inchiesta sugli incendi

martedì 1 Agosto 2023

Una commissione d’inchiesta parlamentare sugli incendi che hanno devastato boschi, abitazioni, coltivazioni, attività imprenditoriali e commerciali e causato l’allarme diossina a Palermo è stata chiesta dai gruppi di opposizione durante la seduta parlamentare a Palazzo dei Normanni di oggi pomeriggio.

A sollecitare la commissione, a nome di tutto il gruppo M5S, la deputata regionale Cinquestelle, Cristina Ciminnisi che per questo ha depositato un ordine del giorno per consentire l’istituzione dell’organismo parlamentare. “Vogliamo vederci chiaro – dice Ciminnisi – e, soprattutto, devono vederci chiaro i siciliani che sono stati pesantemente danneggiati o minacciati dai roghi. Se non si inverte la rotta sulla prevenzione, si continuerà a fare una tragica conta dei danni e a stilare pesantissimi bollettini del disastro. Tra l’altro se si continua a rimanere inerti o quasi, limitandosi a inutili lacrime di coccodrillo, davanti ad inestimabili danni, a breve rischiamo di avere ben poco da difendere”

I deputati del Movimento 5 Stelle all’Ars e le opposizioni hanno abbandonato l’aula in segno di protesta per l’assenza del presidente della Regione Siciliana Renato Schifani che ha disertato sala d’Ercole. “Non è mandando una letterina che Schifani può sottrarsi al confronto sull’emergenza incendi che ha devastato la nostra Regione. Il suo ennesimo silenzio sulla questione – spiega il capogruppo del M5S Antonio De Luca – é a nostro avviso, un chiaro segno di superficialità e di mancanza di soluzioni dei problemi della Sicilia”.

Sulle principali criticità della stagione era intervenuto in aula per il governo l’assessore alle Infrastrutture Alessandro Aricò:

“La Sicilia è stata colpita da un evento climatico straordinario, con temperature che hanno raggiunto i 52 gradi, e ha dovuto rifare i conti con l’azione criminale dei piromani. La macchina dei soccorsi si è mossa con tempestività e per questo va un doveroso ringraziamento alla protezione civile, al corpo forestale, ai vigili del fuoco, ai volontari e a tutti coloro che hanno aiutato e sostenuto migliaia di nostri concittadini in difficoltà. Il governo regionale garantirà da parte sua mezzi e risorse. La Sicilia si è rialzata tante volte da disgrazie come queste, lo farà di nuovo ora”. Sull’emergenza del sistema aereo, Aricò ha detto: “Il governo Schifani ha affrontato tempestivamente l’improvvisa emergenza causata dal rogo nell’aeroporto di Fontanarossa”. “Dopo appena venti minuti dalla notizia si è riunito a Palazzo d’Orleans un coordinamento degli assessori competenti, dei dipartimenti e delle forze in campo – ha proseguito – È stata istituita immediatamente una task-force di emergenza per potenziare e coordinare i collegamenti straordinari dagli aeroporti di Palermo, Comiso e Trapani verso Catania, mettendo a sistema una rete in grado di movimentare 25 mila passeggeri al giorno. Sono state attivate numerose corse supplementari di Trenitalia tra Palermo e Catania, mentre Ast ha messo a disposizione ulteriori bus verso Catania e Comiso, di cui 24 immatricolati in tempi record dalla Motorizzazione Civile di Palermo. Anche gli operatori del trasporto pubblico locale su gomma si sono attivati per collegare a Catania tutti gli aeroporti siciliani”. L’assessore ha sottolineato che “Fontanarossa ha progressivamente aumentato il numero di atterraggi e partenze, ripristinando quasi il 50% del traffico passeggeri”. E inoltre, “l’aeronautica militare su input del ministro Crosetto ha già realizzato una prima tensostruttura per l’accoglienza dei passeggeri e sta realizzando un terminal di 300 mq che incrementerà ulteriormente il numero di atterraggi e partenze nell’aeroporto di Catania”.

La commissione regionale Antimafia, presieduta da Antonello Cracolici, giovedì prossimo alle ore 9, farà un sopralluogo alla discarica di Bellolampo, a Palermo, per verificare le condizioni dopo gli incendi che hanno interessato il sito. Alla perlustrazione sono stati invitati il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla e Giuseppe Todaro, presidente della Rap, l’azienda che si occupa dei rifiuti in città.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.