Condividi

Libero Grassi, l’anniversario dell’omicidio. Cerimonia a Palermo

mercoledì 29 Agosto 2018
libero grassi

Ricorre oggi il 27mo anniversario dell’omicidio dell’imprenditore Libero Grassi, ucciso dalla mafia il 29 agosto del 1991 a Palermo perche’ si era opposto a una richiesta di pizzo. Una commemorazione si e’ tenuta stamattina in via Vittorio Alfieri, luogo dell’agguato. Grassi, catanese, trapiantato a Palermo, titolare della fabbrica di famiglia, la Sigma, si oppose con forza al racket delle estorsioni e pago’ con la vita le sue denunce pubbliche.

Alla cerimonia di via Alfieri stamani hanno partecipato i familiari dell’imprenditore, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e il vicesindaco Emilio Arcuri; l’ex presidente del Senato, Piero Grasso; l’assessore regionale al Territorio, Toto Cordaro; il prefetto e il questore di Palermo; il commissario straordinario antiracket, Domenico Cuttaia; il deputato regionale del PD, Antonello Cracolici; l’ex presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci; l’ex senatore del Pd, Beppe Lumia. Per ricordare Grassi sono state deposte delle corone di fiori.

“Di Libero Grassi – ha detto l’ex presidente del Senato, Pietro Grasso, leader di LEU – ho un ricordo personale, ma quello che piu’ mi colpisce e’ il ricordo pubblico. Con la sua lettera e le sue apparizioni pubbliche ha fatto nascere il problema della solitudine dell’imprenditore a Palermo, abbandonato da tutti gli altri imprenditori, anche dalla politica locale. Tutto cio’ lo ha portato alla morte”. Sulla crisi che sta attraversando il movimento antimafia ha aggiunto: “l’antimafia sociale deve tornare alle origini. Sono a favore dell’antimafia dei lenzuoli delle catene umane, manifestazioni che davano spontaneita’, senza quella struttura di interessi che poi ha rovinato tutto”.

Per il sindaco di Palermo Leoluca Orlando Grassi era “un imprenditore, una persona civile, una persona colta, un punto di riferimento culturale, una persona dalla forte etica. Allora Grassi era scomodo e inviso perche’ lo Stato, i partiti, l’associazione degli industriali avevano il volto della mafia. Oggi, pero’, non apparirebbe come un eversivo, un marziano, un alieno”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.