Condividi

L’ultima trovata della Regione: vogliono spedire l’Annunciata in Kazakistan fino a settembre

giovedì 1 Giugno 2017

Tutti conoscono l’Annunciata, il celebre dipinto realizzato nel 1476 da Antonello da Messina e custodito in esposizione permanente presso il Museo di Palazzo Abatellis a Palermo.

L’ultima trovata della Regione siciliana sarebbe quella di spedire l’opera d’arte in Kazakhistan, dove nella città di Azana, dal 10 giugno al 10 settembre, si terrà l’Expo 2017, il cui tema quest’anno è “Future energy”, ovvero energia futura, poiché l’esposizione verterà sulla necessità di produrre energie pulite per preparare il mondo del domani. Bene, intenti nobilissimi, ma la domanda che ci si pone è cosa c’entri il quadro di Antonello con tutto questo e ovviamente, la risposta è disarmante: proprio niente!

Eppure, c’è chi ha ritenuto che l’opera tardo medievale debba essere impacchettata e fatta atterrare in terra Kazaka, dove dovrebbe andare a rappresentare la Sicilia in uno degli spazi che saranno allestiti nel grande padiglione italiano. Non sappiamo di chi sia la brillante idea; quel che è certo è che qualche tempo fa sul tavolo del dirigente generale dei Beni culturali della Regione, Gaetano Pennino, è arrivata una richiesta del Dipartimento energia, spedita per conoscenza anche alla Galleria regionale di Palazzo Abatellis. E da via Alloro (dove si trova il museo), una volta ricevuta la missiva, non avevano fatto proprio i salti di gioia… Anzi.

Il tempo poi è trascorso e dell’ipotesi di inviare il quadro in Kazakhistan non se ne era più parlato. Il pericolo sembrava scampato, anche perché nel frattempo l’Annunciata è stata mandata a Taormina, per addolcire il palato artistico dei potenti del mondo riuniti al G7, dove si trova tuttora, esposta nei saloni di Palazzo Corvaja. Da qui, avrebbe dovuto far ritorno a Palermo, non prima però di una tappa intermedia al Museo Mandralisca di Cefalù. Ebbene, sembra, però, che al dipinto “qualcuno” voglia riservare un altro destino, se – come pare – è iniziato il conto alla rovescia per la sua dipartita (pardon, partenza).

Un’ipotesi, quella di spedire l’opera come un pacco postale nella ex Repubblica sovietica, che non piace proprio al direttore dell’Abatellis Sergio Aguglia (da oggi in pensione) e che rischia di lasciare Palermo e il celebre museo a bocca asciutta per tutta l’estate e cioè, proprio nel periodo di massima affluenza turistica: “Su quanto starebbe accadendo non sappiamo proprio nulla – spiega Aguglia – perché dopo quella lettera abbiamo appreso soltanto ‘boatos’ e informazioni frammentarie. Certo è che se così fosse, saremmo davanti a una decisione inopportuna, sia per la Galleria di Palazzo Abatellis che si vedrebbe sottratta di una delle sue più celebri opere d’arte, sia per Palermo”. 

Aggiungiamo noi: che bisogno c’è di mandare un dipinto così importante in Kazakhistan? E’ davvero questo l’unico modo per promuovere la Sicilia all’Expo di Azana?

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il popolo del Reddito di Cittadinanza in rivolta a Palermo: “Meloni, non siamo parassiti” CLICCA PER IL VIDEO

Numerosi percettori del reddito di cittadinanza si sono riuniti per protestare contro la riforma del governo Meloni

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.