Condividi

L’ultima di Renzi: “Le regionali non sono un test per le Politiche”

sabato 9 Settembre 2017
Taormina, 8.9.2017: Renzi a Taormina, selfie con il candidato Fabrizio Micari e i sostenitori

Il voto del prossimo 5 novembre in Sicilia per Matteo Renzi non è uno “stress test”.

Il Pd che deve rimontare il distacco rilevante attribuito dai sondaggi su Cancelleri e Musumeci, si grida addosso tutta la forza possibile. A cominciare dal suo leader nazionale che ieri a Taormina, in occasione della presentazione del candidato Fabrizio Micari ha usato parole vecchie e rassicuranti (“Micari è sicuramente una persona competente, ha visione e attenzione per le piccole cose) in uno scenario critico e complicato.

Il giro dell’ex premier in Sicilia ieri sera Catania e Siracusa, oggi Ragusa, Sciacca e Marsala, serve a lanciare il rettore palermitano. Se dovesse andar male però, il significato politico e il conseguente effetto domino, assicura Renzi,  a ridosso delle Politiche non ci sarà.

Si tratta di cose diverse in contesti e situazioni differenti. Afferma…

La politica dunque, in questo caso, prova a rassicurarsi da sola. Minimizza e neutralizza, enfatizza con dovere, accelera  a singhiozzo e frena bruscamente.

Renzi loda un modello (evitando di precisare che il Pd s’è di fatto consegnato a Orlando e Cardinale in Sicilia), ma tiene a precisare che le scelte sul nome sono degli altri: “Non l’ho scelto io, non sono scelte che sono state fatte a Roma”.

Dosa gli argomenti con cura e tra questi fa attenzione a ringraziare Crocetta per il suo passo indietro. Ma la sua narrazione è già più stanca e meno effervescente rispetto al recente passato. Come se non si volesse far tirar dentro un’esperienza che per molti è a perdere e che presenta grandi incognite elettorali e margini di rischio non secondari.

Saranno i social- assicura Renzi– a colmare il gap di notorietà di Micari.

Insomma ognuno per sé e Dio per tutti è un pò il senso delle parole ieri di Renzi che ha cominciato il suo rapido mini-tour siciliano. Non sarà in realtà molto diverso da così. Le singole liste a sostegno di Micari andranno a confrontarsi con la ricerca del voto nelle province siciliane. Le scommesse attese alla prova della verità sono quelle della lista dei territori di Orlando, di “Sicilia Futura” e del Megafono Crocetta a supporto del rettore palermitano.

Annunciate come il valore aggiunto, dovranno macinare voti per recuperare la differenza di passo delle altre coalizioni. Ci riusciranno?

In mezzo, poi, c’è anche il Pd che precetta i suoi big, a partire da Cracolici e Lupo.

Vedremo se basterà.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.