Condividi

“Messina Denaro è morto”: lite nella cosca

martedì 6 Settembre 2022
Matteo Messina Denaro

L’avvertimento correva lungo il filo del telefono perché doveva smetterla di continuare a mettere in giro la voce che Matteo Messina Denaro fosse in realtà morto. Uno dei sodali del mandamento mafioso di Marsala stava seriamente rischiando che qualcuno lo linciasse per quel che diceva. E’ un altro degli aspetti che emergono dall’operazione antimafia Hesperia scattata all’alba di oggi a cavallo tra le province di Trapani e Palermo e che ha portato a 70 indagati, di cui 35 con misure cautelari. E’ prevalentemente il Trapanese, provincia di origine del superlatitante, ad essere stato coinvolto da queste indagini.

Ad avere osato mettere in dubbio che il latitante fosse morto era stato Marco Buffa, 49 anni, e le sue parole erano finite all’orecchio del super boss presunto fedelissimo dello stesso Messina Denaro, Franco Luppino. A metterlo in guardia fu Piero Di Natale e dai loro dialoghi intercettati dai carabinieri non pare che tra i due corresse buon sangue. I dialoghi a tratti divenivano aspri e minacciosi ma forse entrambi si temevano e alla fine rientravano sempre gli scontri. Buffa un giorno è stato ammonito da Piero Di Natale perché era “arrivata notizia” che il 49enne aveva espresso, in un contesto non precisato, perplessità sulla persistenza in vita del latitante trapanese, indicato in tale occasione con l’appellativo di “Ignazieddu”. Ma di fronte a questa accusa Buffa ha cominciato a farsi minaccioso: “Non mi rompete la…. perché… A me mi fate una se.. forte… forte… perché e io non ho detto niente compare… io non ho parlato di…“.

Dall’altra parte del telefono però Di natale risponde a tono: “A me non mi devi toccare… la min…. a te non te la rompiamo… Invece ti rompiamo il … Ci fai una se.. tu a noi altri…”. “Vedi che è arrivata la notizia di questo discorso…non parlare in giro di questo fatto che hai detto tu che è morto… perché già la notizia gli è arrivata che… che c’è stato qualcuno sta dicendo che ‘Ignazzeddu’ è morto…vedi che a quello quando pare che non gli arriva… perché ha sempre 7… 8 persone che lo informano…”.

Nell’ambito delle investigazioni svolte sull’imprenditore di Campobello di Mazara Calogero Jonn Luppino, sottoposto a custodia cautelare in carcere anche per mafia, si è intercettato un dialogo con Rosario Allegra, appartenente alla famiglia mafiosa di Castelvetrano e cognato di Matteo Messina Denaro, nonché con Dario Messina, sottoposto a custodia cautelare in altro procedimento per aver diretto, secondo l’accusa, il mandamento mafioso di Mazara del Vallo. E’ un altro degli aspetti che emergono dall’operazione antimafia Hesperia scattata all’alba di oggi a cavallo tra le province di Trapani e Palermo e che ha portato a 70 indagati, di cui 35 con misure cautelari. “Nei dialoghi, secondo i magistrati, veniva indicato inequivocabilmente “lui” ovvero Luppino, in quanto unico esponente mafioso sufficientemente autorevole. Oltretutto la sua personalità di spicco avrebbe dovuto mettere a posto la il conflitto interno di Cosa nostra trapanese e culminata verosimilmente con l’omicidio di Giuseppe Marcianò a Campobello di Mazara il 6 luglio 2017, i cui mandati ed esecutori sono ancora sconosciuti”.

Che non vi fossero dubbi sulla riorganizzazione del mandamento mafioso anche il fatto che si sarebbero decisi a tavolino gli “affari” da portare avanti. Dalla coltivazione e spaccio di droga alle estorsioni. In particolare fu deciso di colpire gli imprenditori più facoltosi e fra questi ne fu individuato uno che, a dire di Vincenzo Spezia e Di Natale, stava realizzando “numerosi lavori pubblici a Campobello di Mazara“. E’ un altro degli aspetti che emergono dall’operazione antimafia Hesperia scattata all’alba di oggi a cavallo tra le province di Trapani e Palermo e che ha portato a 70 indagati, di cui 35 con misure cautelari. “Fu però anche detto che si trattava di un soggetto “inavvicinabile” e dunque restìo ad assecondare le pretese di Cosa nostra“, proseguono i magistrati.

Gli uomini del mandamento trapanese avevano paura che Francesco Luppino potesse essere nuovamente scoperto dalle forze dell’ordine. Lui era tornato a comandare, secondo sostengono gli investigatori, quanto emerso anche nel corso di queste indagini, ma lo si voleva a tutti i costi difendere dalle intercettazioni per cui vi era una vera e propria paura ossessiva. E’ un altro degli aspetti che emergono dall’operazione antimafia Hesperia scattata all’alba di oggi a cavallo tra le province di Trapani e Palermo e che ha portato a 70 indagati, di cui 35 con misure cautelari. Ed allora parlando fra loro Piero Di Natale e Franco Raia, si legge nell’ordinanza dei magistrati, viene presa la decisione: “Gli dobbiamo trovare un nome a lui per chiamarlo in maniera diversa…” dice Raia. Alla fine si decide di chiamarlo Gianvito.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, assessore Cannella: “La luce e Santa Rosalia protagoniste del Natale 2022” CLICCA PER IL VIDEO

In un’intervista per ilSicilia.it l’assessore alle Politiche culturali del Comune di Palermo, Giampiero Cannella, svela qualche anticipazione sul Natale 2022. E sulla Gam…

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.