Condividi
Dal Tribunale di Palermo

Messina Denaro, resta in cella Laura Bonafede: respinta richiesta scarcerazione

giovedì 4 Maggio 2023
Tribunale Palermo

Resta in carcere Laura Bonaefede, la maestra di Campobello di Mazara figlia del boss del paese, sentimentalmente legata al capomafia Matteo Messina Denaro, arrestata il 13 aprile con l’accusa di aver coperto la latitanza del padrino. Lo ha deciso il tribunale del Riesame che ha rigettato l’istanza di scarcerazione presentata dai legali della donna. Bonafede rispondeva dei reati di favoreggiamento aggravato e procurata inosservanza della pena.

L’indagine è stata coordinata dal procuratore di Palermo Maurizio de Lucia, dall’aggiunto Paolo Guido e dai pm Gianluca De Leo e Piero Padova. Il nome dell’insegnante è venuto fuori nel corso delle indagini sulla latitanza del padrino. Immortalata dalle videocamere del supermercato mentre parlava col boss a Campobello due giorni prima del suo arresto, avrebbe provveduto alle necessità di vita quotidiana del latitante, gli avrebbe fatto la spesa per fargli avere rifornimenti temendo che potesse essere contagiato dal Covid e non potesse uscire, avrebbe condiviso con lui un linguaggio cifrato per tutelare l’identità di altri protagonisti della rete di protezione del boss e curato con maniacale attenzione la sua sicurezza.

La maestra sarebbe stata, dunque, uno dei perni intorno al quale ha ruotato la clandestinità di Messina Denaro già a partire dalla metà degli anni ’90. Cugina del geometra Andrea Bonafede che ha prestato l’identità al boss, cugina del dipendente comunale, anche lui di nome Andrea Bonafede, che ha provveduto a fargli avere le ricette mediche necessarie alle terapie da affrontare per le cure del cancro, e di Emanuele Bonafede, uno dei vivandieri del padrino arrestato insieme alla moglie, la maestra è sposata con il mafioso ergastolano Salvatore Gentile, in cella per aver commesso due efferati omicidi su ordine proprio di Messina Denaro. La procura aveva chiesto l’arresto anche della figlia della Bonafede, ma il gip ha respinto l’istanza.

Nella stessa giornata, i giudici del Riesame hanno negato la scarcerazione della sorella del boss, Rosalia Messina Denaro, arrestata a marzo per mafia. parlando di “specifiche ed allarmanti modalità della condotta” . Il tribunale ha depositato oggi le motivazioni del provvedimento.

Il collegio sottolinea “la determinazione criminosa della Messina Denaro, sintomatica della non mera occasionalità nel delitto”. “La personalità negativa così delineata – spiegano – non consente nemmeno in concreto di formulare un giudizio positivo in ordine al rispetto delle prescrizioni connesse alle misure meno afflittive della custodia cautelare in carcere, che si rivela l’unica idonea – in relazione alle stringenti limitazioni alla libertà di movimento che essa comporta – ad evitare che l’indagata riprenda i contatti intrattenuti nel settore criminale, perseverando nel compimento della condotta delittuosa”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.