Condividi

Messina, si spezza cima della nave: marinaio muore sul colpo

mercoledì 24 Febbraio 2021

Mortale incidente sul lavoro sulla nave “Elio” della Caronte & Tourist al porto di Messina. Un nostromo, Gaetano Puleo, 61 anni, è deceduto dopo essere stato colpito da un cima di ormeggio mentre era bordo.

L’uomo impiegato da anni per l’azienda che si occupa dei trasporti nello Stretto di Messina, era sul traghetto durante le fasi di approdo al molo Norimberga, nella Città dello Stretto.

Da una prima ricostruzione sembra che il marittimo fosse affacciato ad uno degli oblò della nave quando una delle gomene in tensione si è staccata, o si è spezzata, e lo avrebbe colpito in pieno, alla testa. Il nostromo è caduto in mare ed è stato recuperato dai colleghi con l’aiuto di personale della Capitaneria di Porto. Ma per lui non c’è stato alcunché da fare.

Sulla vicenda la Procura di Messina ha aperto un’inchiesta delegando le indagini alla Capitaneria di porto.

Il capitano di Vascello Andrea Tassara comandante della capitaneria di Porto di Messina ha confermato che “dopo quanto è avvenuto il magistrato ci ha affidato le indagini con le funzioni di polizia giudiziaria e stiamo indagando a trecentosessanta gradi sulla vicenda, tuttavia al momento non c’è una tesi privilegiataNaturalmente – ha aggiunto – quando avremo tutti i riscontri riferiremo alla Procura“.

Siamo sconvolti e annichiliti per il dolore – ha dichiarato la società armatrice – e ci stringiamo ai familiari di Gaetano collaboratore generoso, preparato e disponibile, uomo buono e gentile, la cui scomparsa lascia un vuoto enorme in quanti lo hanno conosciuto e gli hanno voluto bene“.

La stessa Caronte & Tourist ha insediato una commissione interna col compito di approfondire le cause dell’incidente e si è dichiarata a disposizione degli inquirenti, assicurando che non farà mancare alla famiglia “il proprio concreto e tangibile supporto“.

Piangiamo ancora vittime sul lavoro – ha commentato Michele Barresi della Uiltrasporti di Messina – in un comparto, quello dei marittimi e dei trasporti in genere che resta sempre tra i settori lavorativi più esposti. Interroghiamoci su cosa fare per tutelare al meglio chi lavora, e stringiamoci attorno al lutto di un’altra famiglia“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.