Condividi

“Mi sfiduciano? Io non mollo”. La difesa di Accorinti contro “pupari” e “yes man”

martedì 14 Febbraio 2017
“La fiducia ad un sindaco si può togliere solo se è connivente con la mafia o se ha rubato: non è il mio caso e allora perché dovrei essere sfiduciato? Io non mollo, noi non molleremo mai. A differenza degli altri io non prendo ordini di scuderia e non ho pupari alle mie spalle. Se la gente me lo chiederà io sono pronto a ricandidarmi”. A poche ore dalla mozione consiliare che potrebbe decretare la fine del suo mandato, Renato Accorinti allontana la spada di Damocle della sfiducia e prova a rilanciare la sua sfida. Il sindaco di Messina si difende e rimanda al mittente l’accusa di aver tradito la fiducia degli elettori. “Quello che avevamo detto in campagna elettorale è stato realizzato e sfido chiunque, sui fatti, a dire il contrario”.

“Mi chiedono se sono preoccupato ma perché dovrei? Ho la coscienza pulita e apposto – racconta Accorinti -. Per me questo è il periodo migliore di questi tre anni, ho scardinato cose che erano ormai radicate nei palazzi della politica, che sinora è stata vista a Messina come la cosa più sporca. Io faccio politica per il bene comune, senza connivenze, senza padroni e padrini. Nella mia Amministrazione nessuno ruba. Abbiamo centrato tutti gli obiettivi più importanti in una città che era devastata e distrutta dai debiti. Abbiamo cambiato il metodo. Gli svincoli Giostra-Annunziata sono lì, il ministro Delrio ha fatto il suo dovere e ci siamo conquistati le cose senza avere truppe alle nostre spalle. Il secondo palazzo di giustizia era bloccato da 30 anni e dopo 3 anni di grande lavori ci siamo fatti dare 35 mila metri quadrati dell’ex ospedale militare e il ministro Pinotti ha sostenuto la nostra iniziativa. Su Tremestieri ci siamo mossi per togliere i tir dalla città: per 50 anni sono morte le persone sotto le ruote dei camion e per inquinamento atmosferico, l’iter da 74 milioni per il porto è stato completato il 23 novembre scorso alla Regione e tra pochi mesi partiranno i lavori. Stiamo facendo il secondo polo del Meridione per le ricerche e le cure dei bambini autistici. E poi abbiamo realizzato la “Casa di Vincenzo”, il dormitorio pubblico di Messina riservato a 30 senzatetto“.  

crocetta-in-consiglio-comunale-1Il destino politico di Accorinti è una storia che si compirà sulla dura legge dei numeri e, mentre il vento della restaurazione soffia forte sul palazzo, il diretto interessato non vuole fare calcoli. Le posizioni dei renziani (Ernesto Carbone su tutti ndr.) dei genovesiani e di quelli che stanno con D’Alia sono discorsi che non mi appassionano. Tra i quattro consiglieri del Pd il capogruppo ha messo la firma sulla mozione, gli altri tre non hanno aderito all’ordine di scuderia dei vertici e da settimane resistono e continuano ad avere le loro idee. C’è gente che ha personalità e che va oltre gli ordini di scuderia. Non si può annullare la propria identità per essere degli “yes man“. “Anche i genovesiani non so se saranno compatti. Io mi sono disinteressato e non mi interessa fare la conta, non so se sono tutti compatti o meno. Certo che ce ne vuole per passare dal Pd a Forza Italia: hanno obbedito ciecamente ad un ordine. Anche quelli che sono con D’Alia hanno firmato, non so se si ricrederanno e cosa faranno. A me dicono che ci sono gli accorintiani, definizione che mi da pure fastidio, e la differenza è che io e quelli che stanno con me siamo alla pari, non ci sono ordini del sindaco e costrizione al silenzio”. Nel vuoto spietato che la politica messinese ha fatto attorno ad Accorinti, chi si è schierato a sua difesa è Rosario Crocetta e il sindaco non fa mistero di questo “feeling” politico: “Crocetta si è schierato, è stato forte e ha detto che non si sfiduciano i sindaci ed in particolare su di me si è espresso a mia difesa. Essere liberi vuol dire qualcosa in più”. 
Accorinti punta l’attenzione, a più riprese, soprattutto sul debito ereditato dalle precedenti legislature. “Da una delle ultime città sui bilanci siamo passati ad essere una delle migliori. E’ chiaro che possiamo aver fatto degli errori ma chi non ne fa? Accade a tutti nella vita. Per tre anni e mezzo abbiamo sofferto, perché non c’era nemmeno un euro in cassa. Mi vogliono mandare via e parlano di sfiducia ora che stanno arrivando i soldi dei finanziamenti. L’ho detto e lo ripeterò sino alla morte: avevamo mani e piedi legati, senza un soldo e senza niente. Loro ci hanno portato con mezzo miliardo di debiti e con le partecipate ormai devastate. Abbiamo parlato con il Governo, siamo riusciti ad entrare nel Masterplan e abbiamo portato 330 milioni per tutta la Provincia e 104 milioni per la città. Abbiamo la testa dura e non molleremo mai. Il secondo palazzo di giustizia non è un dettaglio: Un milione 200 mila euro andava ogni anno e per 30 anni nelle tasche dei soliti ricchi, molto noti, per 30 anni. Per me c’è l’etica prima di tutto, mentre invece in campagna elettorale c’è stato uno scambio di voti con la Mafia“.    
accorinti-4Ma allora, se questa Amministrazione non ha fallito come il sindaco sostiene, perché incombe la sfiducia sul primo cittadino messinese? “Perchè sono scomodo ai poteri forti”. Le legge politica del taglione è un benservito all‘Accorinti amministratore o all’Accorinti “Free Tibet”? L’immagine del sindaco pacifista e francescano, il sindaco senza cravatta che venne bloccato all’ingresso del Parlamento, è un clichè mediatico per far presa sugli elettori, come i suoi detrattori maliziosamente sostengono, o è semplicemente specchio riflesso dell’immagine reale di Renato Accorinti. Il diretto interessato replica: “Qualcuno sbeffeggia l’immagine del sindaco pacifista, lo so perfettamente ma non mi interessa questo tipo di commenti. Ma io sono sempre stato e rimango me stesso. Io sono questo. La gente sa che sono esattamente come mi mostro. Dovrei cambiare soltanto per piacere a qualcuno? La mia spiritualità è una cosa in cui credo da sempre fortemente e la pace e il più grande valore che hanno gli esseri umani. Io sono così, sono sincero e non c’è nulla di artefatto nei miei comportamenti”. 
Accorinti incassa ma non ha intenzione, e in caso di sfiducia si dice pronto alla ricandidatura: “La gente ha raccolto le firme per la volta scorsa e se me lo chiedessero e se la gente lo vuole ancora io sarei assolutamente disponibile. E’ un’altra avventura che farei. Verso chi fa cose strumentali ho più compassione che amarezza. Se qualcuno ha qualche puparo di sopra, allora peggio per lui. Io ho dato prova che si può stare nei palazzi in modo pulito, onesto. Un anno e mezzo in più non mi toglie niente, se ci sarà consentirà di centrare altri obiettivi ma se vado via subito sarò comunque contento perchè questa avventura mi riempie di gioia”.
Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.