Condividi

Miccichè, un concentrato di arroganza politica dietro le sembianze del guascone

sabato 21 Novembre 2020

Gliene hanno dette di tutti i colori, l’ultima: sfascia famiglie, politiche s’intende. La colpa maggiore di Gianfranco Miccichè è quella di avere portato in Forza Italia ben tre nuove deputate che hanno cambiato i rapporti all’interno della maggioranza e del suo stesso partito dove sono in parecchi a non amarlo. Ma neanche i partiti alleati sono teneri con lui: le sue repentine mosse, infatti, lo rendono imprevedibile ed anche antipatico. Ancora di più adesso che ha “rubato” tre deputate ai partiti alleati. Un affronto che non è facile da digerire. Ed hanno ragione: l’Udc non può più puntare i piedi per terra per conservare due assessori nella giunta regionale, dopo l’addio di ben tre deputati, ma solo Margherita La Rocca Ruvolo ha aderito a Forza Italia, per Marianna Caronia si è trattato di un ritorno alla casa madre.

E’ rimasto solo lui di quella schiera di nuovi politici che contribuirono a fondare la Seconda Repubblica, gli altri o erano scampati alla Prima, come Cuffaro e Lombardo, oppure sono stati autentiche meteore.

A Miccichè non sfugge e gestisce il potere a volte con arroganza, a volte con malcelata accondiscendenza. Un arrogante che si nasconde dietro le sembianze del guascone. In quasi 27 anni di attività politica, ha perso l’impazienza che lo contraddistingueva nei primi tempi ed ha imparato ad attendere il momento giusto per dare la zampata finale. E probabilmente, è questo momento che teme il presidente della Regione, Nello Musumeci. Perché il tempo del cambio in giunta di un paio di assessori, prima o poi arriverà. “Non chiedo un rimpasto – ha detto Miccichè – perché in questo momento non sarebbe opportuno, ma il riequilibrio territoriale della rappresentanza in giunta di Forza Italia”. La Dc nuova di Cuffaro? “Per lui è un’emozione, per me no”, ha sibilato con freddezza il presidente dell’Ars.

Sento un mescolarsi di odori: incenso e zolfo. Chi dei due, tra Miccichè e Cuffaro, odora di zolfo e chi puzza d’incenso, secondo voi?

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.