Condividi

Musumeci e le forze all’Ars, tra aperture, avvicinamenti e opposizione dura

mercoledì 10 Gennaio 2018
Musumeci

Diversamente Sturziano o post ideologico di destra?

Svaria il governatore siciliano fra tanti temi, ricordando il passista più che lo scalatore, il finisseur che non cerca le volate lunghe e gli sprint affollati.

Nello Musumeci ha impiegato un intero pomeriggio ieri a rendere al parlamento siciliano le sue dichiarazioni programmatiche. L’Ars è tornata al centro del dibattito politico dell’Isola e per un giorno, grazie anche alla vivacità del M5S, si è potuto assistere con interesse a una seduta dell’Assemblea regionale siciliana.

Già, perché nessuno ammicca a Musumeci, ma tutti restano in ascolto, da Sicilia Futura a Pd compreso. Ad eccezione dei pentastellati che annunciano un’opposizione durissima.

Il Musumeci moralizzatore: “Società civile complice e vittima” e ancora : “i mafiosi prima di cercare morti cercano alleati” si è alternato con l’autore dell’analisi (preoccupante e preoccupata) del tessuto socio-economico: “Siamo la Cenerentola del continente europeo, serve una industrializzazione leggera e la trasformazione dei prodotti, produzione agricola non come nel passato fece la FIAT pensando a personalizzare i profitti e socializzare i danni”.

Musumeci ha riconsiderato l’organizzazione delle macchina della pubblica amministrazione, evitando con cura e abilità a sparare nel mucchio sulla burocrazia regionale, rimbrottata con misura, ma senza sconti.

I passaggi che vanno stralciati dal contesto più legato alla retorica della politica e inseriti in uno start up di avvio di legislatura, oltre alle soluzioni, ancora non definitive, sull’incresciosa emergenza rifiuti, potrebbero essere quelli relativi alla stabilizzazione del precariato nelle pubbliche amministrazioni e la nuova mappatura di competenze e funzioni delle ex Province.

Con la Regione soggetto attivo e non arbitro ha chiarito Musumeci, “sono nati gli enti economici e le prime zavorre con le assunzioni clientelari,  i precari  sono diventati pegno umano. La Regione deve controllare e pianificare”, esponendo il suo giudizio a una valutazione precisa su questa scelta.

“Non è una vergogna essere favorevoli al Ponte ma va dotata Sicilia e Calabria delle infrastrutture di completamento”, ha aggiunto rispondendo al vicepresidente dell’Ars Cancelleri e ancora: “c’è il rischio che il sereno confronto pregiudicato per colpa di tutti con la concomitanza della campagna elettorale delle politiche”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.