Condividi

Tra Cancelleri e Miccichè, l’Ars delle identità forti prova a cambiare rotta

martedì 19 Dicembre 2017
seggi incandidabilità

I due vicepresidenti eletti ieri all’Ars, Roberto Di Mauro e Giancarlo Cancelleri, provengono da due storie politiche opposte, ma raccontano alla perfezione, insieme all’elezione di Gianfranco Miccichè, la spaccatura della politica siciliana. Una narrazione che da una parte va verso la speranza, spesso cieca e incondizionata di un cambiamento rivolto alla politica strutturata, e dall’altra dà voce all’antipolitica militante che il 5 novembre scorso aveva chiesto di governare la Sicilia e ha trovato il ‘niet’ del voto finale dei siciliani.

Dai banchi più alti di Sala d’Ercole, dunque, guarderanno ogni cosa in tre: Gianfranco Miccicchè che fa inciuci ‘a sua insaputa’, un democristiano esperto e attrezzato e il leader dell’opposizione pentastellata.

Molto politico dunque il vertice istituzionale del parlamento siciliano.

Tre anime con diverse identità e differenti modi di concepire l’approccio alle legge e alla loro costituzione. Un bene o un male? Intanto un dato di fatto. Come quello, del resto, che l’unica applicazione reale del renzismo di Sicilia è consistita nel rimanere fuori da tutto. Dal governo ai posti di comando del parlamento.

Cancelleri, che si appresta al suo ultimo mandato, per regolamento interno, ha l’opportunità di dare voce alla sua battaglia contro i vitalizi e i costi del parlamento siciliano, ma potrà portare un po’ di quello spirito di concretezza che ha partorito ‘la trazzera’, il fondo per le imprese e lo streaming delle commissioni parlamentari all’Ars. Si troverà accanto chi, invece, ritiene che un parlamento per funzionare deve motivare i propri dipendenti e chi, in un modo o in un altro, tra passato e transizione, si trova alla sua quinta legislatura all’Ars.

Il resto sarà storia di leggi che si sperano siano migliore del passato.

Ieri Miccichè ha esternato in favore dell’abolizione del voto segreto, caro ad Ardizzone che lo ha preceduto e allo stesso Musumeci. I grillini daranno battaglia a tutto campo, il Pd si lecca le ferite, mentre alcuni aspetterebbero le mance dell’ultimo turno di votazione dell’ufficio di presidenza. Insomma, tutto è pronto per cominciare.

Speriamo solo che, come dicono i malpensanti, la fine non abbia inizio.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Europee, la diretta in studio: analisi, ospiti e commenti CLICCA PER IL VIDEO

Dagli studi de ilSicilia.it le prime riflessioni sulle elezioni europee

BarSicilia

Bar Sicilia dal ‘Vittorio Morace’ di Liberty Lines, Cotella: “Ecco il primo ibrido al mondo”

I lettori de ilSicilia.it possono godersi in quest’anteprima le novità dell’imbarcazione chiamata a collegare i mari e i viaggiatori di Sicilia, in particolare tra Trapani e le Egadi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.