Condividi

Ok a convenzione tra Irfis-Ircac-Crias: via ai finanziamenti a tasso agevolato in Sicilia

venerdì 29 Maggio 2020
ars-soldi-soldi

“Diventa operativa la convenzione che consente al “Fondo Sicilia” di operare attraverso Ircac e Crias. Un impegno assunto con le imprese siciliane, nella prospettiva dell’avvio di Irca. Ringrazio Irfis e il governo regionale, auspicando che la Crias possa risolvere i problemi che finora ne hanno rallentato le attività”.

Così il vicepresidente della Regione siciliana e assessore all’Economia, Gaetano Armao, commenta l’avvio della convenzione stipulata tra Irfis (la Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia), Crias (cassa regionale per il credito alle imprese artigiane) e Ircac (Istituto regionale per il Credito alla Cooperazione), che mette 16 milioni di euro a disposizione di cooperative (Ircac) e imprese artigiane (Crias).

Partono, quindi, i finanziamenti a tasso agevolato dell’Ircac (8 milioni) per il sostegno e l’agevolazione del credito in favore delle cooperative siciliane, che rischiano di fallire a causa dell’emergenza economico-sanitaria determinata dalla pandemia epidemiologica Covid-19, oltre ai finanziamenti per la Crias (altrettanti 8 milioni).

L’importo minimo del finanziamento per le cooperative è di tremila euro, quello massimo di trentamila euro. Lo slogan dell’Ircac è “Quattro finanziamenti smart per ripartire”.

Le risorse sono destinate, infatti, a quattro tipologie di interventi: al riavvio delle attività (salari, stipendi, oneri sociali, locazioni commerciali, fornitori, utenze e servizi vari), all’integrazione di liquidità (aumento dei crediti non riscossi da clienti, spese necessarie a mantenere attiva la cooperativa durante il lockdown), all’acquisto di dispositivi di protezione individuale da distribuire ai dipendenti e, infine, all’innovazione tecnologica, alle cooperative, cioè, che devono dotarsi di strumenti tecnologici per la ripresa.

Un impegno che il vicepresidente aveva assunto nei confronti del mondo produttivo ancora prima dell’esplosione dell’epidemia, ma che ora diventa ancora più necessario per dare una boccata di ossigeno alle imprese siciliane che rischiano di fallire. La procedura, a sportello veloce, sarà interamente online sul sito dell’Ircac.

Le domande devono essere inviate entro il 31 luglio al seguente indirizzo PEC: ircac-covid19@pec.it

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Assessore Messina: “Maggio 2023, siciliani alle urne. Province? Legge entro l’anno e voto nel 2024” CLICCA PER IL VIDEO

L’assessore regionale alle Autonomie Locali e alla Funzione Pubblica, Andrea Messina è l’ospite della puntata 226 di Bar Sicilia. Intervistato da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Messina ha parlato di diversi argomenti tra cui le prossime amministrative siciliane, dei tempi necessari al ripristino delle ex Province, delle difficoltà in cui versano i Comuni e delle…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.