Condividi

Omicidio Fragalà, ci sarebbero altri complici ancora senza nome

venerdì 17 Marzo 2017

Ci sarebbero altri due complici che avrebbero preso parte al delitto del penalista ed esponente politico di An Enzo Fragalà. Due persone di cui non si conosce ancora l’identità, ma che i magistrati palermitani stanno cercando di identificare.

A svelarlo – come riportato oggi da Sandra Figliuolo sulle colonne del Giornale di Sicilia – è stato il collaboratore di giustizia Francesco Chiarello, il cui racconto farebbe propendere per la presenza nei pressi del luogo del delitto di due figure misteriose a bordo di uno scooter arancione.

“Dice che c’è lo scarabeo arancione … Che erano vicini, che giravano con Tonino Abbate… Non lo so chi sono queste persone ma me l’ha raccontato Francesco (Castronovo, ndr)… che c’erano pure due persone assieme… Sconosciute”.

I due a bordo di questo scarabeo potrebbero essere stati due pali, ma ci potrebbe essere un’altra verità: potrebbe essersi trattato di “osservatori” appartenenti a un’altra famiglia mafiosa rispetto a quelle del Borgo e di Porta Nuova. Un altro clan che avrebbe condiviso l’interesse a far assassinare l’avvocato Fragalà. 

Se così fosse, il suo omicidio aprirebbe scenari ulteriori, perché testimonierebbe come vi sia stato un accordo fra differenti famiglie mafiose, come in passato quando le decisioni nell’eseguire le condanne a morte dovevano essere sempre “condivise” dai vari clan.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.