Condividi
L'intervento

Ospedale Villa Sofia di Palermo, sedicenne in pericolo di vita salvata dall’equipe del Trauma center

domenica 30 Giugno 2024
Ospedale Villa Sofia Palermo

Non è più in pericolo di vita la ragazza di 16 anni che, una settimana fa, era rimasta vittima di un tragico incidente lungo la strada che dal belvedere di Monte Pellegrino porta verso il santuario di Santa Rosalia.

Era in sella a una moto 125 guidata da un amico, anche lui sedicenne, che – per cause in fase di accertamento da parte della polizia municipale che conduce l’indagine – ha perso il controllo del mezzo: la ragazza sarebbe finita contro il guardrail e poi al di là della strada, sbattendo poi contro dei grossi tronchi di alberi abbandonati parallelamente al guardrail. Un impatto violentissimo.

Ricevuta la relazione dall’infortunistica, la Procura di Palermo ha aperto un fascicolo per lesioni gravissime. Tenuta in coma farmacologico nella terapia intensiva, i medici di Villa Sofia hanno deciso di sciogliere la prognosi dopo avere stabilizzato la paziente dal pericolo di infezioni. La degenza e poi la riabilitazione comporterà tempi lunghi, spiegano i medici.

La ragazza era giunta in ospedale, poco dopo la mezzanotte tra sabato e domenica, in condizioni definite “disastrose”, trasportata dall’ambulanza del 118 con il medico a bordo che ha subito allertato il pronto soccorso rendendosi immediatamente conto della gravità. “Un caso davvero complesso, l’impatto ha sovvertito i piani anatomici oltre a provocare la frattura del bacino”, racconta all’Ansa il primario del Trauma center, Antonio Iacono, che ha coordinato l’equipe interdisciplinare che ha salvato la vita alla ragazza.

Non appena giunta al pronto soccorso, il medico della chirurgia d’emergenza ha avvertito il ginecologo e l’urologo. Sono stati attimi di panico.

“Un trauma di questo tipo non si vede ogni giorno, per cui nella fase iniziale c’è stata un po’ di confusione, è stato chiamato anche il chirurgo plastico. C’è stato un primo intervento durato due ore per cercare di stabilizzare il più possibile la paziente. Per la difficoltà della situazione alcuni colleghi in quei frangenti avevano ipotizzato il trasferimento all’ospedale Civico – riferisce IaconoHo contattato i nostri migliori specialisti. Tutti hanno capito il problema, senza alcuna esitazione si è stabilito di procedere con l’intervento”.

Per otto ore – dalle 8 alle 16 di domenica scorsa – in sala operatoria si sono alternati i componenti dell’equipe multidisciplinare: Antonio Mirabella, primario di chirurgia d’urgenza, è intervenuto per evitare l’insorgere di complicazioni dal punto di vista igienico nella parte traumatizzata; Fulvio Piazza, primario di urologia, ha individuato l’uretra e ha caterizzato la vescica; Dario Sajeva, primario del reparto di chirurgia maxillo-facciale, ha ricostruito l’intera area esterna e il “pavimento pelvico”; Daniele Bonomo, primario di ortopedia, ha ricomposto la frattura del bacino.

Per i medici e i sanitari che hanno visto le condizioni della paziente e hanno assistito all’intervento Dario Sajeva si conferma chirurgo “dalle mani d’oro”.

“Il poli trauma è un lavoro che si fa in team spiega Antonio IaconoIl centro di Villa Sofia è l’unica realtà in Sicilia che gestisce interventi così complessi, arrivano pazienti da ogni parte dell’Isola, trattiamo in media 400 casi all’anno. E pensare che un anno fa si pensava di chiuderlo dopo che l’ortopedia era rimasta senza medici. Invece, se il trauma center è diventato un punto di riferimento imprenscindibile bisognare darne atto all’assessore alla Salute Giovanna Volo e al direttore generale Salvatore Iacolino che hanno voluto a tutti i costi salvare il centro, ricostruendo l’ortopedia che in questo momento è diretta da un primario, con lui ci sono due medici e i colleghi chiamati a gettone”.

Ma la squadra di ortopedia presto si allargherà. In 27 hanno partecipato al concorso per 11 assunzioni a tempo indeterminato nel reparto di Villa Sofia. “Ci sono tanti problemi non si discute, ma ci sono anche tante eccellenze nella sanità siciliana – afferma Iacono – Nella sanità pubblica ci sono professionisti di alto livello, che hanno un know-how da valorizzare anche per formare i tanti giorni medici che arriveranno. Prestare attenzione alla sanità pubblica è sicuramente un buon investimento”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.