Condividi

Palermo, all’Institut Français una mostra sull’immigrazione dal Risorgimento agli anni ’60

venerdì 18 Gennaio 2019
mostra Risorgimento

Un itinerario geografico, socio-economico e culturale degli immigrati italiani in Francia dal Risorgimento agli anni della Dolce Vita celebrata da Fellini.

Si intitola “Ciao Italia! Un secolo d’immigrazione e di cultura italiane in Francia (1860-1960)” la mostra che si inaugura venerdì 18 gennaio all’Institut Français (Cantieri culturali alla Zisa) di Palermo, mostra itinerante che rimarrà visitabile fino all’8 febbraio.

Ciao” fa parte di quelle parole che, accompagnando le migrazioni di milioni d’italiani in tutto il mondo, sono state adottate dalle lingue dei paesi di accoglienza, come in Francia dove ormai fa parte del vocabolario corrente.

Ciao Italia! è un arrivederci degli italiani al loro Paese, mai un addio; gli scambi tra la Francia e l’Italia furono numerosi sin dall’antichità e vanno ben oltre la conquista militare della “Gallia“ da parte di Roma.

Nel Medioevo, uomini, donne, beni e idee attraversano le Alpi, diffondendo una sorta di “modello italiano” in Francia e in tutta Europa.

Nel XIX e nel XX secolo, circa 26 milioni di italiani emigrano per motivi sia economici che politici: una parte di essi si dirige in Francia che all’epoca mancava di manodopera, gli italiani diventano così gli stranieri più numerosi in Francia dall’inizio del XX secolo fino agli anni 1960.

Oggi commemorata, la loro integrazione non avvenne comunque senza intoppi. Tra diffidenza e desiderio, violenze e passioni, rifiuto e integrazione, la mostra Ciao Italia! narra questa storia evidenziando l’apporto degli italiani alla società e alla cultura francesi. La mostra, in sedici pannelli, ripercorre il viaggio geografico, socio-economico e culturale degli italiani in Francia dal Risorgimento a partire dal 1860 fino al 1960.

Ideata e realizzata da Palais de la Porte Dorée, Musée National de l’histoire de l’immigration, in Italia è organizzata dall’Institut français Italia; responsabile Beatrice Piazzi.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.