Condividi

Palermo, ancora furbetti del reddito di cittadinanza: scoperti in 74 | VIDEO

martedì 16 Marzo 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

I finanzieri del 2° Nucleo Operativo Metropolitano del Gruppo Palermo, in collaborazione con funzionari dell’Inps, hanno individuato nel capoluogo siciliano 74 cosiddetti “furbetti” del reddito di cittadinanza, che percepivano senza averne diritto, secondo l’indagine svolta.

In particolare, i soggetti controllati non hanno dichiarato rispettivamente: vincite al gioco per importi superiori a 20.000 euro; di percepire redditi esenti per importi superiori a 6.000 euro; un patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa, per un valore superiore a 30.000 euro; o ancora di essere proprietari di motoveicoli immatricolati per la prima volta nei due anni antecedenti la domanda del sussidio, con cilindrata superiore a quella consentita, ovvero 250 centimetri cubici.

Tutti elementi che non consentono la possibilità di richiedere il reddito di cittadinanza. Per questo motivo i 74 sono stati denunciati e segnalati all’Inps per la revoca del beneficio e il recupero delle somme erogate, pari a oltre un milione e 200 mila euro.

Tra i 74 furbetti del reddito di cittadinanza c’erano cinque persone che avevano aperto una partita Iva. C’era chi aveva un’internet point e un posto di telefono pubblico, un altro si occupava di ristorazione, uno si occupava di coltivazione di cereali, e un altro aveva la licenza di commercio ambulante. I finanzieri del Gruppo di Palermo, diretti dal colonnello Alessandro Coscarelli li hanno scoperti incrociando i dati con quelli dell’Inps.

C’è chi non ha dichiarato le vincite al gioco – dice il colonnello Coscarelli – nonostante per giocare sia necessario aprire un conto corrente virtuale ovviamente con tanto di codice fiscale. Basta fare un controllo incrociato per scoprire chi non aveva diritto al sussidio“. In un caso è stato ancora più semplice. È bastato incrociare i dati dell’Inail con quelli dell’Inps. È saltato fuori che uno dei furbetti percepiva già un sussidio per infortunio sul lavoro. Reddito aggiuntivo che è stato dimenticato di segnare nell’autodichiarazione.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Assessore Messina: “Maggio 2023, siciliani alle urne. Province? Legge entro l’anno e voto nel 2024” CLICCA PER IL VIDEO

L’assessore regionale alle Autonomie Locali e alla Funzione Pubblica, Andrea Messina è l’ospite della puntata 226 di Bar Sicilia. Intervistato da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Messina ha parlato di diversi argomenti tra cui le prossime amministrative siciliane, dei tempi necessari al ripristino delle ex Province, delle difficoltà in cui versano i Comuni e delle…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.