Condividi

Palermo, conti Rap: tunnel senza uscita. Giaconia: “Evitare l’effetto Amia”

martedì 12 Marzo 2019
rifiuti città siciliane

Le partecipate rimangono il “punto debole” dell’amministrazione comunale, protagonista questa volta è la Rap (Risorse Ambiente Palermo) che per la città si occupa, o dovrebbe occuparsi, della raccolta rifiuti, differenziata, manutenzione strade, tutti quei servizi, di cui, un giorno sì e l’altro pure, le associazioni ne segnalano l’inefficienza.

Infatti, secondo quanto emerso dalla relazione sul quarto trimestre del 2018, la Rap perderebbe ben 12 milioni di euro, questo sembrerebbe essere dovuto dalle entrate mancate dalla manutenzione strade infatti, si legge nella relazione che anche se “si rileva un sostanziale miglioramento del costo consuntivo complessivo rispetto alle previsioni, connesso ad un non ottimale livello di produzione, livello che potrebbe essere migliorato con l’ausilio di investimenti programmati nel piano industriale 201872020 che permetterebbe anche di incrementare la produttività delle maestranze“.

Capitolo a parte quello delle “prestazioni del lavoro straordinario di periodo è legato esclusivamente alla carenza di risorse umane – si legge nella relazione- che, inesorabilmente, sin dalla costituzione di Rap ha determinato che la forza lavoro si è ridotta da circa 2400 unità a circa 1848 unità, numero insufficiente per garantire i servizi in essere  a quelli che devono essere implementati per specifica previsione di legge e di direttive del socio unico. Dunque – si legge ancora – è innegabile che le prestazioni di lavoro straordinario rappresentano, in atto, per Rap l’unico modo per garantire i servizi istituzionali di natura pubblica affidati a Rap s.p.a. L’attuale metodologia – conclude la nota – è certamente da rivedere alla luce delle soluzioni più strutturali , che Rap riterrà di proporre in seno al piano industriale 2019/2021, che garantiscono certamente il rientro della spesa nei limiti ammissibili e apprezzabili“.

massimo-giaconiaI dati emersi dalla quarta relazione trimestrale 2018 sono molto chiari, sostanzialmente confermano un trend negativo dei conti dell’Azienda Rap” – dice Massimo Giaconia, componente della III Commissione “Società Partecipata”- anche se migliorato rispetto al terzo trimestre“.

La terza Commissione “Società Partecipate” – continua Giaconia – da tempo sollecita l’Amministrazione Attiva affinché si metta concretamente mano a un piano di rilancio delle partecipate che comprenda la rivisitazione dei contratti di servizio delle partecipate, a cominciare dalla Rap il cui contratto scadrà ad agosto, personale, nuovi piani industriali e per alcune, come in questo caso la Rap, un piano di risanamento economico finanziario”.

Ancora oggi – conclude Giaconia – sia i lavoratori che i cittadini, hanno vivo in loro il ricordo amaro del fallimento delle aziende Amia e Amia Essemme e degli effetti devastanti provocati alla città, per fortuna ci sono ancora le condizioni per evitare quel dramma, ma solo se si agisce speditamente”.

LEGGI ANCHE:

Il salotto buono di Palermo nel degrado, abbandonato tra i rifiuti | FOTO-VIDEO

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.