Condividi

Palermo, mini auto elettriche al posto delle barelle all’Ospedale dei Bambini

giovedì 7 Giugno 2018
ospedale dei bambini Di Cristina
Ospedale dei Bambini "Di Cristina"

In Francia è stato sperimentato con successo un paio di mesi fa, in Italia è arrivato da alcune settimane e a Palermo partirà oggi con la consegna delle prime auto elettriche. È il progetto Play Therapy, letteralmente terapia del gioco, ideato dall’associazione 4Children Onlus con l’obiettivo di ridurre l’impatto psicologico con la malattia, diminuire la paura, contenere l’ansia e lo stress dei piccoli pazienti sottoposti a intervento chirurgico in regime di routine.

Mini auto al posto delle barelle: un gioco, appunto, che contribuirà ad alleviare le sofferenze e a ridurre la tensione dei bambini che si trovano ospedalizzati nel settore chirurgico e che vivranno in maniera diversa la preparazione all’intervento. Il progetto sarà presentato oggi, alle 17, presso il Reparto di Chirurgia Pediatrica dell’Ospedale Di Cristina, Istituto Mediterraneo di Eccellenza Pediatrica, diretto da Gloria Pelizzo, alla presenza del commissario dell’Arnas Civico Giovanni Migliore e del direttore dell’Unità Operativa di Psicologia Clinica dell’Arnas Civico, Angela Di Pasquale.

Da tempo ormai è stata certificata l’influenza positiva sui piccoli pazienti di ludoteche, pet therapy, orti giardini e spazi colorati negli ospedali. Il gioco è un alleato importante nella cura dei bambini perché riduce il senso di angoscia e inquietudine. Quella delle mini auto, che saranno consegnate oggi al quarto piano dell’Ospedale dei Bambini, grazie al contributo e al sostegno di Tearose, Rocketbaby e Italmondo, è un’ulteriore iniziativa avviata dal Di Cristina proprio per ridurre lo stress e rendere ancora meno tortuosa la strada che devono affrontare i piccoli pazienti ospedalizzati. Il bambino affronterà infatti l’operazione arrivando in sala operatoria non in barella ma alla guida di una nuova e fiammante macchina elettrica. “L’intervento chirurgico – spiega Gloria Pelizzo – provoca nel bambino un’importante situazione di stress, disagio fisico e/o psichico che genera sensazioni di ansia, angoscia, paura, accompagnate dalle reazioni fisiologiche di difesa e stress dell’organismo. Tutte circostanze e situazioni che possono influire sui tempi anestesiologici e sull’esito dell’intervento chirurgico e la durata della degenza postoperatoria”.

Giovanni-Migliore1
Giovanni Migliore

“Le esperienze più difficili da sopportare per un bambino – dice il commissario dell’Arnas Civico Giovanni Migliorenon sono sempre e solo legate alla malattia in sé o al suo trattamento, ma incide anche l’isolamento, l’essere lontano da casa e dai genitori, trovarsi in un luogo poco familiare, affrontare eventi del tutto nuovi e dolorosi circondati da sconosciuti, sentire la paura causata da strani odori, suoni, strumenti mai visti prima. La terapia del gioco è la cura pedagogica e psicologica dei bambini e dei loro genitori durante l’intero periodo della loro permanenza in ospedale”.

Questa iniziativa costituisce una delle tappe del progetto di accompagnamento del bambino all’interno del percorso di cura chirurgica sostenuta dall’equipe del Reparto di Chirurgia Pediatrica. Il bambino verrà condotto con attività ludiche nelle varie fasi del periodo di ricovero dal team medico-infermieristico e dallo psicologo del reparto, Patrizia Nacci, grazie anche al contributo dell’Associazione AMICO, che si occuperà delle attività di divulgazione e sostegno dei processi di umanizzazione in ospedale per i bambini.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.