Condividi
La mobilitazione

Palermo, protesta degli agricoltori a piazza Indipendenza contro l’uso del glifosato

venerdì 22 Marzo 2024
palazzo d'orleans
Palazzo D'Orleans

Protesta questa mattina degli agricoltori a Palermo. Si sono radunati in piazza Verdi e hanno raggiunto piazza Indipendenza, sede della presidenza della Regione Siciliana.

I manifestanti, guidati oggi da Franco Calderone, vogliono consegnare al presidente della Regione Renato Schifani un vademecum dove ci sono le richieste di lavoratori ed imprenditori del settore per contrastare gli effetti negativi delle recenti politiche nazionali ed europee.

Vogliamo chiedere al presidente che la Sicilia sia glisofato freedice CalderoneDobbiamo coltivare senza utilizzare diserbati che sono nocivi per la salute dell’uomo. Lo dobbiamo per i nostri figli“. Al fianco degli agricoltori, come già avvenuto mercoledì, hanno sfilato anche gli allevatori, i pescatori e diversi sindaci provenienti da tutta la Sicilia. Una mobilitazione che segue a quella avvenuta mercoledì fra le strade di Palermo.

L’obiettivo della manifestazione, in quel caso, era quello di chiedere a Schifani l’istituzione di un tavolo tecnico permanente per la tutela dei prodotti made in Sicily. Lavoratori ed imprenditori hanno infatti manifestato a più riprese le preoccupazioni relative alle nuove politiche europee in materia di green deal e alle importazioni di prodotti dall’estero, alcuni dei quali trattati con il glifosato.

L’altro grande tema riguarda la fuga di giovani verso l’estero. Problema che, secondo i manifestanti, depaupera il territorio di importanti risorse per il futuro.

Il deputato Nello Dipasquale, parlamentare regionale del Partito Democratico all’Ars, ha preso parte a Palermo, insieme al sindaco di Vittoria Francesco Aiello e al sindaco di Chiaramonte Gulfi Mario Cutello, alla manifestazione degli agricoltori siciliani in corso da mercoledì. 

Purtroppodichiara Dipasqualeassistiamo a un fenomeno che sta strozzando i settori agricolo e zootecnico di Sicilia, ma bisogna fare un passo indietro, fino agli anni ’50: con le riforme agrarie di quel periodo, in Sicilia prima e nel resto d’Italia poi, i latifondisti si videro spacchettare i propri terreni per essere ridistribuiti ai braccianti che, a loro volta, divennero piccoli imprenditori. La possibilità di sfruttare meglio le superfici e fare cooperazione centralizzando la vendita dei prodotti, resero grande la Sicilia. Oggi sta per verificarsi il contrario“.

La grave crisicontinua il parlamentare ibleoincide a tal punto sugli imprenditori agricoli impoverendoli tanto da costringerli a vendere aziende e terreni a favore di nuovi “latifondisti”. E ciò accade con la complicità più o meno consapevole del Governo regionale e del Governo nazionale. I Governi smentiscano questa tesi mettendo ” in campo” azioni concrete di sostegno al settore, come l’adeguamento dei prezzi di vendita dei prodotti in proporzione all’aumento dei costi di produzione, la denuncia dello stato di crisi del comparto, l’aumento dei controlli e l’adeguamento dei parametri di qualità e del regime sanzionatorio sulle merci importate, interventi per contrastare la diffusione di malattie virali negli allevamenti”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.