Condividi
sequestrate anche le attività

Palermo, rapinato chiese aiuto a mafia per pestaggio: indagato imprenditore detersivi

martedì 8 Novembre 2022
finanza

Finito sotto indagine della Dda l’imprenditore palermitano di 45 anni, Francesco Paolo Bagnasco, accusato di avere chiesto e ottenuto dai vertici mafiosi del mandamento di Pagliarelli, il pestaggio dei responsabili di due rapine subite in due negozi della catena.

Il provvedimento è della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, su richiesta della Procura, ed eseguito dai finanzieri del comando provinciale di Palermo nei confronti delle società Bagnasco Srl, con sede a Palermo, in via Altofonte 73, che opera nel settore del commercio al dettaglio di saponi e detersivi, e Serena distribuzione srl, con sede a Palermo, in via Ernesto Basile 104, anche questa impresa svolge attività “commercio al dettaglio di saponi e detersivi”.

Le due aziende leader nel capoluogo nella vendita all’ingrosso e al dettaglio di detersivi e prodotti per l’igiene hanno con una rete commerciale di 10 punti vendita a Palermo, un valore stimato in circa 18 milioni di euro. Gli accertamenti economico patrimoniali, svolti dai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo – Gico in seguito all’arresto dell’imprenditore, avrebbero evidenziato che le attività economiche, finite in amministrazione giudiziaria, sarebbero state permeabili a condizionamenti da parte dell’organizzazione criminale.

Secondo le indagini l’imprenditore palermitano avrebbe assunto familiari di esponenti di Cosa nostra; avrebbe messo a disposizione i locali aziendali per riunioni riservate tra “uomini d’onore“; pagato somme di denaro a beneficio di una società riconducibile di fatto all’ultimo reggente del mandamento di Pagliarelli; affittato immobili commerciali di proprietà di soggetti “organici” o “vicini” a contesti criminali. “Lo scopo del provvedimento preventivo dell’amministrazione giudiziaria” mira proprio al risanamento delle aziende – spiegano i finanzieri in una nota – sottoposte all’influenza di organizzazioni criminali al fine di operare una bonifica delle stesse e recuperarle all’economia legale, rescindendo ogni tipo di contiguità con ambienti mafiosi”.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Europee, la diretta in studio: analisi, ospiti e commenti CLICCA PER IL VIDEO

Dagli studi de ilSicilia.it le prime riflessioni sulle elezioni europee

BarSicilia

Bar Sicilia dal ‘Vittorio Morace’ di Liberty Lines, Cotella: “Ecco il primo ibrido al mondo”

I lettori de ilSicilia.it possono godersi in quest’anteprima le novità dell’imbarcazione chiamata a collegare i mari e i viaggiatori di Sicilia, in particolare tra Trapani e le Egadi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.