Condividi

Palermo sommersa dai rifiuti, esplode la protesta in Consiglio comunale

giovedì 27 Dicembre 2018
Porticciolo Romagnolo 2018 (Foto archivio D.Ma.)
Porticciolo Romagnolo 2018 (Foto archivio D.Ma.)
Rifiuti a due passi dalla Cattedrale di Palermo. Foto F.Piazza

Palermo è sommersa dai rifiuti. Nei giorni scorsi si è profilata anche l’ipotesi di una class action, proposta dal Sinalp Sicilia (il sindacato nazionale autonomo dei lavoratori e dei pensionati) in difesa dei cittadini che pagano la Tari ma sono poi costretti a scostare sacchi di spazzatura per uscire fuori dal portone di casa.

Dopo il Natale, la città si è risvegliata con l’immondizia che ricopre strade e marciapiedi e non tarda a farsi sentire la voce dell’opposizione in Consiglio comunale.

“L’assenza in aula dell’Amministrazione alla seduta di Consiglio di oggi è davvero preoccupante”, dice il leader de I Coraggiosi, Fabrizio FerrandelliLa città è avvolta in tonnellate di rifiuti e i cittadini esasperati danno fuoco ai rifiuti e riempiono di diossina l’aria, mentre nessun segnale di ritorno alla normalità si intravede”. 

fabrizio-ferrandelli
Fabrizio Ferrandelli

“I palermitani pagano, a copertura totale del costo di servizio della raccolta, una delle Tari più alte d’Italia per avere il servizio peggiore del mondo. Chi dovrebbe essere garante della gestione della città e della salute pubblica latita, salvo poi raccontare sulla stampa una città che non c’è e un cambiamento che nessuno avverte. Credo – conclude Ferrandelli – si debba procedere alla nomina di un commissario per l’emergenza rifiuti in città, prima che la salute pubblica venga seriamente compromessa”.

igor-gelarda_-elio-ficarra
Igor Gelarda e Elio Ficarra

A fargli da eco anche Igor Gelarda ed Elio Ficarra, consiglieri comunali della Lega: “Il presidente della Rap, Giuseppe Norata, parlando a Sala delle Lapidi ha detto che l’azienda municipale per la raccolta dei rifiuti deve ricevere 55 milioni di euro dal Comune. Norata ha aggiunto che oggi probabilmente saranno pagate le tredicesime ai dipendenti, ma per gli stipendi non ci sono soldi in quanto il mandato è tornato indietro perché privo di capienza”.

“Ha detto anche che in Aula l’Amministrazione comunale è completamente assente”. La Lega, alla luce di queste dichiarazioni, ha chiesto per il 28 dicembre la convocazione del sindaco e del responsabile della ragioneria generale perché forniscano chiarimenti sulla vicenda.

Palermo – continuano Gelarda e Ficarra – non può restare ostaggio di un’Amministrazione incapace di gestire il problema dei rifiuti, che stanno soffocando i cittadini in questi giorni di festa. Quanto dichiarato dal presidente della Rap in Aula è gravissimo e mette a nudo un’Amministrazione comunale che al di là dei proclami non riesce più a gestire neanche i problemi ordinari della città.

“Se la situazione di emergenza non dovesse rientrare entro 48 ore – concludono – allestiremo un albero di Natale e al posto delle palline ci saranno i sacchi della spazzatura abbondanti per la città. Sarà il nostro regalo di Natale al sindaco, il giusto riconoscimento per aver amministrato in questo modo la città”.

Marianna Caronia
Marianna Caronia

Di “spettacolo indecente e della incapacità del sindaco Orlando di affrontare la gravissima crisi della Rap” parla, invece, Marianna Caronia, consigliere comunale del Gruppo Misto.

” Il presidente del Consiglio che dovrebbe essere il garante dei diritti di tutti i consiglieri – dice –  non può più tollerare il comportamento del sindaco che ormai da mesi diserta Sala delle Lapidi, se non per qualche vuota cerimonia“.

Oggi l’amministratore Norata ha delineato in modo chiarissimo la situazione di crisi che vive l’azienda e ha chiaramente indicato nell’amministrazione comunale il colpevole dei ritardi di questi giorni. Purtroppo da parte del Consiglio comunale, soprattutto per colpa della maggioranza, non si è manifestata la capacità d’imporre un cambio di passo alla giunta, con un inspiegabile rinvio della seduta a domani. Così – conclude Caronia – mentre Palermo brucia, per la Giunta è una parte del consiglio comunale ‘domani è un’altro giorno’ “. 

 

 

Leggi anche:

Natale a Palermo tra i rifiuti: “Merito di Orlando, class action per rimborso Tari”

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, differenziata: il futuro di Rap tra porta a porta e raccolta di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Traghettare Palermo verso il futuro attraverso una nuova visione della raccolta differenziata dei rifiuti. È l’obiettivo di Rap, l’azienda partecipata del Comune, rappresentata dall’amministratore unico, l’ingegnere Girolamo Caruso

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.