Condividi
Il fatto

Palermo, venticinque cani trovati in cattive condizioni dagli agenti di polizia

venerdì 5 Luglio 2024

Anche oggi ci troviamo a dover raccontare mostruosità compiute a danno degli animali. In via Castelforte, a Palermo, gli agenti di polizia hanno scoperto, in un appartamento al piano terra, con giardino, veranda e ringhiera oscurata con dei grossi teli da giardino, un canile lager per 25 cani, alcuni dei quali incatenati ai tavoli della veranda o al frigorifero, mentre i più piccoli, chihuahua e bulldog francesi di pochi anni, rinchiusi in gabbiette per uccelli.

Al commissariato San Lorenzo erano arrivate varie segnalazioni e, adesso, sono tre le persone identificate, se così si possono chiamare questi esseri privi di umanità, la cui posizione è al vaglio della Procura. Gli animali sono stati liberati e sottoposti ad accertamenti. Diversi abitanti della zona avevano chiamato il 112 sospettando, a causa del forte cattivo odore, che ci potesse essere un cadavere in casa da giorni, ma non dei cani, visto che nessuno avrebbe sentito abbaiare. Per molti di questi animali, senza microchip, sporchi e non in buono stato di salute, sono intervenuti, anche, i veterinari dell’Asp. Tutti sono stati affidati a un’Associazione di volontariato.

Il compito più alto di un uomo è sottrarre gli animali alla crudeltà“.
(Émile Zola)

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.