Condividi

Palermo, via Roma chiusa fino al 29 dicembre ma è giallo sull’ordinanza | FOTO

mercoledì 27 Giugno 2018
collettore fognario
SFOGLIA LA FOTO-GALLERY IN ALTO

PALERMO – Nonostante i lavori siano fermi da mesi, il Comune di Palermo avrebbe concesso una proroga alla ditta Sikelia che cura i lavori del collettore fognario in via Roma, da via Cavour a via Bentivegna, fino al prossimo 29 dicembre. Almeno così sembra da un’ordinanza dell’Ufficio Traffico pubblicata ieri sul sito web del Comune.

Ma è subito giallo, perché in base a quanto riferito dall’assessore ai Lavori Pubblici, Emilio Arcuri, sull’ordinanza non mancano i dubbi: «Incontrerò oggi la ditta per capire il nuovo cronoprogramma dei lavori». Insomma, bisogna vederci chiaro, anche alla luce del contenzioso con la Telecom, che dovrebbe spostare un cavo dei sottoservizi.

Motivo per cui l’ATI “La Cala srl” (associazione temporanea di imprese formata da Sikelia e Tecnis) finora non ha potuto procedere coi lavori. Una disorganizzazione tra uffici comunali, impresa e titolari di sottoservizi che finora ha danneggiato solo i palermitani: in particolare i residenti e i commercianti della zona. Il traffico dallo scorso aprile è stato rivoluzionato (VEDI QUI).

E proprio su questo punto il leader dei Coraggiosi in Consiglio Comunale, Fabrizio Ferrandelli, sul proprio profilo Facebook preannuncia battaglia a Sala delle Lapidi: «Di nuovo fermi i lavori in via Roma? Stasera di nuovo interrogazione in Consiglio comunale».

Qualsiasi decisione verrà presa oggi, una cosa è certa: i disagi sono lontani dalla conclusione. La proroga di altri 6 mesi testimonia che i ritardi sono notevoli.

Una volta conclusa questa fase di spostamento delle sottoreti, il cantiere entrerà nella fase clou molto probabilmente in piena estate, con lo scavo del “pozzo” tra via Roma e via Guardione. Da qui, scavando con la tecnica del “microtunnel”, una piccola “talpa” opererà a circa 10 metri di profondità. Da piazza XIII Vittime le condutture porteranno le acque nere prima a Porta Felice, poi al ponte sull’Oreto, in viale dei Picciotti e viale d’Aosta per dirigerle, infine, ad Acqua dei Corsari. L’appalto integrato è denominato “Sistema Cala” o di «Disinquinamento della fascia costiera dall’Acquasanta al fiume Oreto» e ha un valore di quasi 19 milioni di euro.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Da donna Sarina c’è Nino Alibrandi (Cisl), il sindacalista operaio figlio di vittima di mafia: “Messina ha perso la memoria” CLICCA PER IL VIDEO

Il segretario generale della Cisl di Messina si racconta a donna Sarina. Nato in periferia, operaio metalmeccanico, il papà è stato ucciso della mafia

BarSicilia

Bar Sicilia, Raoul Russo zittisce il pettegolezzo: “Matrimonio solido tra FdI e Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Partito da Roma, arriva a Bar Sicilia Raoul Russo, intervistato da Maurizio Scaglione e Maria Calabrese. Il senatore palermitano, che siede tra le fila del partito di Giorgia Meloni, è stato nominato come componente della Commissione bicamerale Antimafia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.