Condividi

Per i suoi 70 anni l’Ente Luglio Musicale Trapanese porterà la sua arte anche in Tunisia | VIDEO INTERVISTE

martedì 29 Maggio 2018

Guarda il video in alto

E’ stato presentato questa mattina, nella prestigiosa sede dell’Ars, dall’Ente Luglio Musicale Trapanese, il progetto Medithéâtres – Grande musique dans les anciens théâtres de la Méditerranée.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di creare un polo turistico culturale d’eccellenza legato all’opera lirica e alla musica sinfonica e prevede la strutturazione di un’offerta, legata alla grande musica eseguita nei siti di interesse storico della Sicilia e della Tunisia e l‘Ente Luglio Musicale Trapanese – Teatro di Tradizione condividerà con i partner tunisini il proprio specifico know how relativo alla produzione dell’opera lirica e all’organizzazione di eventi culturali.

Tra le altre cose l’Ente quest’anno celebra i 70 anni di attività e lo fa con un programma ricchissimo e di prestigio che si snoderà tra la suggestiva tournée a Tunisi, quattro opere in scena a Trapani, le celebrazioni per i 50 anni dalla scomparsa del compositore Mario Castelnuovo Tedesco (a lui saranno dedicati un’opera studio e un concerto), e poi venti appuntamenti con la musica da camera, sinfonica, sacra, acustica e jazz, oltre ad un musical e ad un festival di musica pop.

La stagione lirica si aprirà il 30 giugno in Tunisia con un nuovo allestimento, targato Luglio Musicale, dell’l’Aida di Giuseppe Verdi in scena al Festival Internazionale di Musica Sinfonica di El Jem. Un appuntamento di grande suggestione, realizzato in uno scenario unico. Il prestigioso anfiteatro romano di El Jem, patrimonio mondiale dell’Unesco. L’Aida sarà ripetuta il 5 luglio, in un altro sito di grande rilevanza storica: il teatro antico di Cartagine. Lo spettacolo sarà preview del Festival Internazionale di Cartagine.

Il 2 luglio, invece, l’orchestra italo-tunisina sarà impegnata nel concerto evento in programma al museo di Sousse: sugli spartiti il Requiem di Giuseppe Verdi, scritto per l’anniversario della morte di Alessandro Manzoni.

ente luglio musicale trapanese

Oggi il Luglio Musicale, pur tra mille difficoltà di ordine politico-burocratico – afferma Giovanni De Santis, direttore artistico dell’Ente –  vive un grande momento della sua storia: economicamente risanato, si presenta come uno dei teatri italiani che produce di più e meglio. Tanto da aver attirato l’attenzione dei principali media di settore, e non solo, da tutta Italia e anche dall’Europa”.

 

Una stagione, dunque, ricca e impegnativa, che si connota per le partnership prestigiose, tanto nazionali che internazionali, che la supporteranno, come il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo,  la Regione Siciliana – Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, il Comune di Trapani, l’Agenzia per la Valorizzazione del Patrimonio e la Promozione Culturale (AMVPPC) della Repubblica Tunisina, il Ministero degli Affari Culturali della Repubblica Tunisina, l’Istituto Italiano di Cultura a Tunisi, la Città della Cultura di Tunisi, il Festival Internazionale di Cartagine e di El Jem.

assessore regionale ai beni culturaliE’ un’iniziativa artistica che ha una grande valenza anche sotto il profilo politico – afferma Sebastiano Tusa assessore regionale ai Beni culturaliperchè la cultura in generale è il veicolo più idoneo per intrecciare rapporti anche politici, di amicizia e solidarietà, soprattutto con i Paesi della sponda Sud del Mediterraneo. Portare la musica in Tunisia significa rafforzare il processo di democrazia che ha avviato faticosamente che per noi è estremamente importante per avere un Mediterraneo di pace“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.