Condividi

Presidenza della Regione, perché nessun nome di donna tra i papabili?

giovedì 26 Novembre 2020

Non se ne parla ufficialmente, ma è già partita la caccia ai candidati alla presidenza della Regione nel 2022. Soprattutto, nel centrosinistra. Ma i nomi che circolano sono esclusivamente di uomini: Giuseppe Lupo, Luca Sammartino, Antony Barbagallo, il ministro Giuseppe Provenzano, Giancarlo Cancelleri. Nessuna donna è ritenuta in grado di rivestire una carica così importante qual è di presidente della Regione Siciliana.

Ma anche dalle parti del centrodestra solo di uomini si parla: lo stesso Nello Musumeci, Roberto Lagalla, Nino Minardo, Mimmo Turano. Sempre uomini, solo uomini. Non che abbia nulla contro il genere maschile, ma penso che sia arrivato il momento di dare spazio al gentil sesso. Altrimenti, tutte le celebrazioni di ieri contro la violenza sulle donne rischia di diventare solo un’ipocrita commemorazione. Anche la guida delle maggiori città isolane è stato ed è esclusivo appannaggio degli uomini.

ELDA PUCCI ECCEZIONE CHE CONFERMA LA REGOLA

Unica eccezione, la sindacatura, a Palermo, di Elda Pucci. Anche all’Inferno è arrivato il momento di affidare ad una donna lo scettro del comando. Ne parlerò al più presto con Lucifero perché anche noi diavoli dobbiamo stare al passo con i tempi. Penso che una tipa come Lucrezia Borgia abbia tutte le caratteristiche per prendere il nostro posto.

Qualcuno potrebbe obiettare: va bene per comandare all’Inferno, ma una Lucrezia Borgia di questi tempi dove la troviamo? Posso rassicurare gli scettici che di donne con temporanee capaci, in grado di reggere le sorti di una Regione complicata come quella siciliana, ce ne sono. Non dico che ci sia l’imbarazzo della scelta, ma donne brave, se si vuole, si trovano.

Gli uomini, diciamolo senza ipocrisia, hanno collezionato fallimenti su fallimenti, non solo alla Regione. Continuare in questo errore sarebbe davvero imperdonabile. Le sfide che attendono la Regione siciliana sono da fare tremare i polsi. Basti solo pensare all’utilizzo degli oltre 20 miliardi di euro che arriveranno con il recovery fund. Chi dovrà scegliere rifletta.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.