Condividi

Razzismo: pestarono a un senegalese, tre arresti a Palermo

venerdì 17 Luglio 2020
pestaggio
IMMAGINE DI REPERTORIO

Tre persone sono state arrestate dalla polizia a Palermo per aver aggredito e minacciato a più riprese un giovane senegalese “sullo sfondo di uno subcultura fortemente discriminatoria” la sera del 2 luglio.

In carcere sono finiti Claudio Lucania, 31 anni; Roberto Ventimiglia, 31 anni; Salvatore Riccardo Ventimiglia, 28 anni. I primi due risponderanno di lesioni personali e violenza privata, aggravate dallo sfondo razziale, il terzo di violenza privata aggravata dallo sfondo razziale. Vittima del pestaggio un giovane cittadino senegalese, regolarmente soggiornante in territorio nazionale e, peraltro, evidenziano gli inquirenti, ben inserito nel contesto socio lavorativo cittadino. La sera del 2 luglio in via Beati Paoli, il giovane straniero era stato quasi centrato da una vettura sportiva che a velocita’ sostenuta era sfrecciata sulle strade del centro citta’.

“Le risentite ma garbate rimostranze rivolte dal pedone straniero all’autista della vettura”, Lucania, “avrebbero scatenato un flusso di violenza nei suoi confronti che sarebbe andato bene al di la’ di un contenzioso stradale e sarebbe stato costellato da inequivocabili epiteti a sfondo razziale: l’autista della vettura ed un centauro suo amico, Roberto Ventimiglia, presto giunto a spalleggiarne la tracotanza e sfrontatezza, avrebbero percosso il senegalese, reo di avere sollevato le ragioni di chi crede di aver subito un torto”. Secondo i poliziotti, i palermitani avrebbero cercato, ancora una volta, di investire il senegalese, lo avrebbero colpito con calci e pugni e Ventimiglia avrebbe addirittura indirizzato colpi di catena al capo della vittima, accompagnando la violenza con frasi discriminatorie.

Soltanto l’intervento di un residente palermitano della zona, testimone della violenza, avrebbe evitato peggiori conseguenze al senegalese. Sceso in strada, l’uomo si sarebbe infatti adoperato per calmare gli animi e avrebbe condotto lo straniero al sicuro, in un luogo distante, prima e successivamente presso un ospedale cittadino. Per la vittima prognosi di 25 giorni. A distanza di qualche ora dall’accaduto, lo straniero sarebbe stato raggiunto lungo le strade della movida cittadina da un nutrito gruppo di malviventi (i cui componenti sono in via di identificazione) all’interno del quale e’ risaltata “per spregiudicatezza la minacciosa condotta” di Salvatore Ventimiglia. “Questi, brandendo una spranga, avrebbe minacciato lo straniero di pesanti ritorsioni nel caso in cui egli avesse presentato una formale denuncia del violento pestaggio ed avrebbe cercato di condurre il giovane in un luogo appartato allo scopo di spiegargli ‘come funziona a Palermo’”, sottolineano i poliziotti.

I messaggi intimidatori non avrebbero però raggiunto lo scopo di impaurire il senegalese che, anzi, avrebbe raccontato quanto successo, prima e dopo, alla polizia, che ha così identificato i tre principali attori delle violenze: Lucania, conducente della vettura, Roberto Ventimiglia, a bordo di uno scooter e autore dei colpi di catena e Salvatore Riccardo Ventimiglia, nipote di Roberto, autore delle minacce e delle violenze successive all’aggressione vera e propria.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.