Condividi

Rete sanitaria: nel nuovo piano l’ospedale di Taormina perde 7 posti letto

giovedì 27 Settembre 2018

L’ospedale San Vincenzo di Taormina limita i danni nella riorganizzazione della rete sanitaria prevista dall’assessorato regionale alla Salute e alla fine nella Perla dello Ionio si registra una riduzione di soli 7 posti letto nel presidio di contrada Sirina.

Lo schema esitato dalla Giunta Musumeci, e predisposto dalla Regione sulla base del decreto ministeriale 70 del 2015, prevede nel dettaglio che i posti letto che sinora erano 186 dovranno passare a 179.

Nel dettaglio è questo l’assetto generale previsto dall’assessorato alla Salute diretto da Ruggero Razza: Chirurgia generale 22; Medicina generale 20; Ortopedia e traumatologia 14; Astanteria 16; Cardiologia 16; Neurologia 0; Oculistica 0; Ostetricia e ginecologia 14; Otorinolaringoiatria 8; Pediatria 4; Psichiatria 15; Urologia 6; Terapia intensiva 8; Oncologia 14; Terapia intensiva neonatale 2; Cardiochirurgia pediatrica 0; Ematologia 10; Nefrologia 8; Unità coronarica 8; Neonatologia 8; Pensionanti 3; Terapia del dolore 2.

Il presidio di Taormina viene, inoltre, considerato tra le strutture dipartimentali operanti nell’ambito della Chirurgia generale per i tumori della mammella.

Il dato confortante è che Taormina rimarrà, comunque, Dea di I livello, struttura ospedaliera nella quale si continueranno cioè a garantire all’utenza le attività di osservazione e breve degenza, di rianimazione, nonché interventi diagnostico-terapeutici. Un passaggio di rilievo, visto che si tratta di un presidio che accoglie una vasta utenza proveniente dalla zona ionica e alcantarina ma anche da diversi centri del messinese e della zona etnea.

Potrebbe, infine, essere riconfermato il Centro di Cardiochirurgia pediatrica in attività a Taormina dal 2010, e che a prescindere dalle dinamiche riguardanti la prevista attivazione di un’analoga struttura al Civico di Palermo, dovrebbe rientrare in una prospettiva comprendente due centri specialistici in Sicilia: uno con la permanenza del Ccpm a Taormina (per l’area orientale della Sicilia e con ampliamento del bacino d’utenza alla Calabria) e un altro a Palermo per coprire la Sicilia Occidentale. 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.