Condividi
Valida tre mesi

Rifiuti a Palermo: Lagalla firma nuova ordinanza di emergenza

sabato 28 Ottobre 2023
Roberto Lagalla

La discarica di Bellolampo non è in grado di trattare, in via ordinaria, la gran mole di rifiuti che arriva ogni giorno ed il sindaco di Palermo Roberto Lagalla è costretto a firmare d’urgenza una nuova ordinanza che prevede “speciali forme di gestione presso il polo impiantistico”.

Ovvero la prosecuzione, tra l’altro, dell’utilizzo di mezzi mobili di tritovagliatura. La precedente ordinanza emergenziale, varata nel luglio scorso, è scaduta l’altro ieri.

La premessa è che la Regione non ha ancora consegnato la settima vasca della discarica e neppure quello stralcio della stessa che doveva essere pronto nel luglio scorso. La consegna era stata rinviata a ottobre ma anche questo appuntamento non è stato rispettato. Sono in corso le procedure di collaudo.

A Bellolampo, dall’inizio di luglio, si stanno effettuando interventi di ammodernamento del TMB (l’impianto di trattamento meccanico biologico) in grado di trattare 750 tonnellate di rifiuti al giorno (delle 850 che arrivano a Bellolampo). Un contesto di gestione così precario che la Rap, già nel giugno scorso, ha avviato rapporti con altri impianti siciliani che potrebbero accogliere le immondizie indifferenziate prodotte dal capoluogo.

Ecco perché il sindaco si è già trovato costretto ad ordinare l’utilizzo di non ordinarie “forme di gestione dei rifiuti”.

E’ stata la stessa Rap a chiedere, mercoledì scorso, che Lagalla intervenisse con una nuova ordinanza per evitare pericoli per l’igiene pubblica e scongiurare l’emergenza ambientale.

Lagalla-Mineo

“Pur non essendoci alcuna emergenza sulla capienza della discarica di Bellolampo, dopo le interlocuzioni con i soggetti interessati, il Dipartimento acque e rifiuti dell’assessorato regionale all’Energia, Arpa e Asp, il sindaco di Palermo Roberto Lagalla ha firmato un’ordinanza che permetterà la consegna anticipata del primo lotto della settima vasca (capienza 180 mila metri cubi) nel polo di Bellolampo. Con questo provvedimento, nel pieno rispetto delle prescrizioni e a tutela della salute pubblica, sarà possibile proseguire il ciclo rifiuti e, in particolare, il trattamento del percolato per tre mesi, qualora dovesse essere necessario, mediante l’utilizzo di mezzi dalla Rap e, in caso di necessità, nell’impianto esistente sulla sesta vasca già in esercizio. Si tratta di un provvedimento ponte, che accelera le procedure di consegna della settima vasca che sarà a disposizione della Rap nei prossimi giorni“. Lo affermano il sindaco di Palermo Roberto Lagalla e l’assessore alle Politiche ambientali Andrea Mineo.

 

Giuseppe Todaro

“Sono fiducioso sulla consegna, entro la prossima settimana, della settima vasca di Bellolampo da parte della Regione”. Lo dice Giuseppe Todaro, presidente della Rap, la società che si occupa a Palermo della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti.

“L’ordinanza appena firmata dal sindaco Roberto Lagalla, oltre a consentire la prosecuzione, tra l’altro, dell’utilizzo di mezzi mobili di tritovagliatura ci permetterà l’immediato utilizzo della nuova vasca e di escludere la terza e la quarta ormai quasi sature” prosegue Todaro.

“Rilevo il grande impegno, per raggiungere questo obbiettivo, che ha coinvolto i tecnici regionali e l’assessore all’Energia e servizi di pubblica utilità Roberto Di Mauro – aggiunge – L’importante è aver scongiurato, in questi mesi, il trasferimento in altre province dell’immondizia con costi che sarebbero ricaduti sull’amministrazione comunale per circa cinque milioni a mese”.

Il documento dell’ordinanza sindacale emanata : Ordinanza sindacale n. 203_28.10.2023

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.