Condividi
La nota sindacale

Rifiuti, Cgil e Fp: “Catania sporca? Poca sorveglianza, il sindaco ci incontri”

martedì 28 Novembre 2023

Se Catania è sempre più sporca le ragioni vanno ricercate nell’insufficienza di ore di lavoro dedicate alla raccolta della spazzatura, nella mancanza di sorveglianza da parte del Comune rispetto all’applicazione corretta delle regole e nell’incapacità di molti cittadini a differenziare correttamente i rifiuti”.

E’ la tesi di Cgil e Funzione Pubblica Cgil di Catania aggiungendo che, anche per la ‘Settimana europea per la riduzione dei rifiuti’, “è arrivato il momento del confronto con l’amministrazione comunale su questo tema”.

La città – si legge nella nota sindacale – è particolarmente sporca da anni e rimane tale, in barba al malessere di chi vi abita rispettando regole e pagando tasse e anche a dispetto delle segnalazioni dei turisti che apprezzano la bellezza della città ma non possono fare a meno di segnalare il problema igienico, anche sui social media. I controlli, che su stessa ammissione del Comune, nell’ambito di un appalto spettano all’ente stesso, con le modalità che ritiene più opportune, evidentemente non arrivano a ottenere l’obiettivo desiderato e andrebbero ripensati e migliorati”.

Attualmente l’appalto ammonta a circa 350 milioni di euro suddivisi in tre lotti sui quali operano aziende diverse, per un organico di circa 900 dipendenti, compresi un gruppo di 110 lavoratori, recentemente stabilizzati ma, purtroppo, con contratti part-time a 24 ore. Quello precedente, invece, era di 320 milioni di euro ed era stato affidato interamente alla Dusty e senza la suddivisione in lotti.

In quel caso venivano impiegati 850 dipendenti. Conti alla mano, i 30 milioni di euro che vengono sborsati in più rispetto al passato, sono giustificati anche dai servizi aggiuntivi quali ad esempio pulizie delle caditoie e la scerbatura, che richiedono tempo e manodopera. Secondo la Cgil e la Fp Cgil, però, i problemi di raccolta rischiano di rimanere invariati “proprio perché la distribuzione dell’orario lavorativo nell’arco delle 24 ore rimane comunque ridotta rispetto al fabbisogno reale del servizio di raccolta”.

Per i segretari dei due sindacati, Carmelo De Caudo e Concetta La Rosa, “Il primo passo da fare è il confronto. Invitiamo il sindaco Trantino a incontrarci – affermano – vorremmo conoscere eventuali piani a breve termine dell’amministrazione e partecipare a essi con indicazioni che provengono dalla nostra esperienza che nasce proprio dallo stare a fianco di chi ogni giorno lavora nel settore”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.