Condividi

Rifiuti: cresce la differenziata in Sicilia, la provincia di Palermo fanalino di coda nell’Isola | FOTO

domenica 27 Dicembre 2020
rifiuti

GUARDA LE FOTO IN ALTO

L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) ha fornito il rapporto sui rifiiuti urbani per l’anno 2020. Un documento di oltre 600 pagine, in cui si immortala la fotografia dello stato degli impianti italiani, con vari focus regionali.

Per quanto riguarda la Sicilia, rispetto all’anno di misurazione precedente, si registra un leggero miglioramento sotto il profilo della raccolta urbana. Nell’Isola vengono prodotti 2,2 milioni di tonnellate di rifiuti. Di queste, 1.350.000 tonnellate rappresentano prodotto indifferenziato (-257.000 t rispetto al precedente rilevamento), mentre vengono invece destinate alla filiera green circa 860.000 tonnellate, con un aumento di 104.ooo tonnellate rispetto allo scorso anno.

Un dato positivo quello della raccolta differenziata che registra un confortante 38,5%, con un progresso del 9% rispetto al dato precedente. Analizzando la quota virtuosa di rifiuti in Sicilia, rintracciamo un 45% di rifiuti organici (389.000 t), un 21% di carta e cartone (182.000 t), un 12% di verto (106.000 t) e un 8% di plastica (72.000 t).

Fra le province siciliane, è Ragusa a risultare la più virtuosa, con il 57,8% di rifiuti differenziati. A seguire si sottolinea la crescita di Trapani (56,7%), che sale così al secondo posto. Nel giro di un quinquennio, il territorio trapanese ha praticamente raddoppiato il quantitativo differenziato, salendo a 100.000 tonnellate annue. Seguono, con dati di poco sotto al 50%, Enna (49,7%), Agrigento (49,7%) e Caltanissetta (49,7%).

PALERMO MAGLIA NERA NELL’ISOLA

Siracusa si attesta al 36,4%, mentre Catania cresce ad un ancora più soddisfacente 35,4%. Fra le province della Sicilia, vanno decisamente male Messina (32,8%) e Palermo (29,0%), che è così bandiera nera dell’Isola.

Secondo il rapporto, la provincia di Palermo produce annualmente 603.000 tonnellate di rifiuti all’anno, circa mezza tonnellata per ogni abitante. Di queste, solo 173.000 tonnellate sono destinate alla raccolta differenziata, mentre 414.000 sono prodotto indifferenziato.

Non va di certo meglio nel capoluogo siciliano, dove la percentuale scende addirittura al 17,9%. Una situazione preoccupante, sulla quale è intervenuto, qualche giorno fa, anche il capogruppo del M5S al Comune di Palermo Antonino Randazzo.

Pur apprezzando lo sforzo di Rap ritengo che siamo ancora distanti dalle medie nazionali e dagli obblighi di legge e che tantissime ancora sono le disfunzioni in merito alla raccolta differenziata e il servizio di gestione rifiuti a Palermo. – aggiunge – Chiediamo, come abbiamo già fatto qualche settimana fa con una nota trasmessa all’Assessore Sergio Marino e al sindaco di Palermo, pertanto di proseguire nella direzione dell’estensione del Porta a Porta, prevedendo una copertura di almeno il 50% della popolazione con il sistema di raccolta domiciliare e continuando a potenziare i centri comunali di raccolta con l’obiettivo di arrivare ad almeno 20 punti in città attivando gli incentivi per i cittadini virtuosi che differenziano presso le isole ecologiche“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.