Condividi

“Il sistema dei rifiuti in Sicilia è a illegalità diffusa”

lunedì 14 Novembre 2016
contrafatto
L'Assessore Vania Contrafatto

Il sistema rifiuti è la più grande “industria” siciliana, con un fatturato stimato in oltre un miliardo di euro. Ma è un business che non funziona, con criticità assolute, fotografate in maniera plastica da Alessandro Bratti, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti: “Consigli? Come commissione d’inchiesta non possiamo darne più di tanti, ci limitiamo ad analizzare le problematiche . E’ evidente che nel momento in cui il ciclo ordinario non funziona si creano problematiche ambientali e giudiziarie per un motivo molto semplice: la criminalità si interessa ai rifiuti non perché abbiano un particolare appeal ma perché si traducono in enormi quantità di denaro che, se non sono gestite in maniera corretta, danno luogo a quelle distorsioni che purtroppo in questa regione sono molto presenti. Le nostre direttive sono molto semplici. Ci sono regioni in cui la gestione dei rifiuti e’ molto virtuosa, basterebbe guardare a questi esempi e adattare la gestione alla realtà del posto. Non e’ particolarmente complicato, forse c’è  l’interesse a mantenere le cose così come stanno”. Sistema bocciato in toto?

Per  Vania Contraffatto, assessore regionale all’Energia e ai Rifiuti, “la relazione fotografa una realtà consolidata negli anni ma che comunque oggi è in divenire. La situazione di inizio anno non e’ la stessa di adesso, si sono fatti dei grossi passi avanti.  ” Non parliamo piu’ dei termovalorizzatori dell’epoca Cuffaro ma un’alternativa alla discarica tramite la formazione di biogas o altre soluzioni tecnologiche. Il concetto di discarica sara’ abbandonato – ha concluso Contrafatto – perche’ e’ un meccanismo di smaltimento che non puo’ essere piu’ reiterato e non possono esserci altre autorizzazioni in materia, perche’ dal 2023 per regolamentazione europea non si potranno piu’ utilizzare le discariche”.

Anche il sindaco Leoluca Orlando è stato ascoltato  dalla Commissione parlamentare nazionale di inchiesta sui rifiuti, a seguito delle innumerevoli denunce che il primo cittadino aveva presentato già a partire dall’insediamento del 2012, relativamente al ciclo dei rifiuti in Sicilia. “La dura requisitoria svolta dai Commissari sul settore dei rifiuti in Sicilia – dichiara il sindaco Orlando – conferma la gravità della situazione su scala regionale, dovuta, come già da me ribadito ad entrambe le Commissioni parlamentari di inchiesta su rifiuti e antimafia, ad un sistema criminogeno fondato su confusione legislativa e gestionale, assenza e, adesso, inadeguatezza di Piano regionale rifiuti, ordinanze presidenziali regionali confuse e inefficaci e, talora, inapplicabili, inesistenza di impiantistica che si accompagna ad abnormi privilegi per discariche private”. “Il sistema dei rifiuti in Sicilia – continua Orlando – rischia di apparire, come più volte denunciato da me e da Anci Sicilia, la riedizione in campo regionale del sistema palermitano cianciminiano di potere politico, affaristico, mafioso degli anni 80”. “La Commissione – aggiunge il sindaco – ha preso atto dei grandi passi avanti fatti nella gestione della discarica pubblica di Bellolampo, grazie all’impegno del Comune di Palermo e della Rap e nonostante l’impianto stia attualmente contribuendo ad impedire l’emergenza in altri quaranta comuni, quindi con grande sovraccarico per la struttura e per i lavoratori dell’azienda”.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.