Condividi

Rifiuti, l’appello di Messina servizi: “La differenziata contribuisce alla lotta alla mafia”

sabato 25 Giugno 2022

I risultati ci sono eppure c’è ancora chi fa un po’ di confusione. In pochi anni Messina servizi Bene Comune è riuscita a far compiere un balzo di percentuale nella raccolta differenziata ma serve l’aiuto di tutti. Ecco perché il presidente della società partecipata, Giuseppe Lombardo fa un appello ai messinesi.

Da un esame della analisi merceologica dei rifiuti, in particolare di quelli indifferenziati, emerge la presenza ancora di materiali che andrebbero conferiti in modo diverso o nelle isole ecologiche o in altri carrellati  o mastelli di differenti tipologie di materiali. In sostanza molti messinesi, un pò per comodo un pò per mancata comprensione del sistema, finiscono con il gettare tutto nell’indifferenziata evitando così la selezione dei rifiuti. In questo modo si vanifica lo stesso spirito della raccolta differenziata che è riciclo e tutela dell’ambiente.

Si registra difatti nell’indifferenziato la presenza ancora del 27,8 % di materiale organico, del 15,5 % di carta e cartone, del 23, 8% di plastica, dell’1,5 di metalli, del 9,2 di tessile e legno, del 2,4 di vetro.

Chiediamo ai cittadini – spiega Lombardo – un impegno maggiore nel diminuire i rifiuti  indifferenziati,  perchè è ancora possibile recuperare almeno fino al 50 percento nella frazione indifferenziata.  Messinaservizi  garantisce il porta a porta in ogni singola utenza della città da più di anno ormai, sia utenze domestiche che non domestiche, ora devono essere i cittadini a migliorare la qualità dei rifiuti conferiti con un ulteriore sforzo”.

L’obiettivo, secondo il presidente di MSBC è anche quello di  azzerare l’aumento, scaturito da ritardi della Regione, del costo del conferimento dell’indifferenziata che si è triplicato, passando da 120 a 360 euro a tonnellata. Ma c’è di più.

Riducendo i rifiuti che vanno a finire in discarica- prosegue Lombardo- come  spiegato bene dal procuratore di Catania Carmelo Zuccaro, possiamo contribuire a contrastare un certo business dei rifiuti che è ancora  nelle mani della mafia, che si approfitta dell’ inefficienza della Regione. La crisi del sistema dei rifiuti in Sicilia, dovuta al governo Musumeci e a quelli che lo hanno preceduto, ha portato ad una complicata situazione che sta causando problemi seri in molte città della Sicilia. Le politiche poco attente della Regione sui rifiuti, sono dovute tra l’altro, ad una programmazione non oculata che ha portato ad una grave carenza di impianti”.

Messina servizi bene comune sta lavorando in un’ottica di promozione di un migliore riciclo e  riuso e per proseguire la rivoluzione green avviata negli anni scorsi. “Dobbiamo essere consapevoli – conclude  Lombardo – che  il maggiore utilizzo di buone pratiche  non è solo una questione di decoro e pulizia, ma anche etica, perché utile per contrastare le ecomafie e promuovere una città green completando la transizione ecologica”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.