Condividi

Riforma del commercio: commissione Ars esamina disegno di legge

giovedì 7 Ottobre 2021
palazzo dei normanni
Palazzo dei Normanni

Un nuovo disegno di legge di riforma del commercio, dopo oltre vent’anni dalle ultime sostanziali modifiche effettuate, per venire incontro alle esigenze del comparto. E’ il senso del lavoro portato avanti dalla III commissione Attività produttive all’Ars che, alla presenza dell’assessore regionale al ramo, Mimmo Turano, ha incontrato, in videoconferenza, i rappresentanti delle associazioni di categoria operanti sul territorio regionale.

L’ultimo intervento legislativo in materia di commercio, la legge regionale numero 28 del 1999, è ormai sorpassato dai tempi. Per questo motivo, cercando di contemperare le esigenze di tutti gli attori interessati che abbiamo fatto sedere attorno allo stesso tavolo – spiega il presidente della commissione, Orazio Ragusa stiamo esaminando con la massima attenzione le varie parti di una norma che il Governo Musumeci intende portare a Sala d’Ercole, un disegno di legge che, coniugando tutela del commercio locale e sviluppo occupazionale, punta ad avere come obiettivo la massima semplificazione amministrativa. Abbiamo messo assieme, com’era giusto che fosse, proposte e sensibilità diverse, ascoltando le esigenze che arrivano direttamente dagli addetti ai lavori. Si vuole compiere un passo importante in avanti, ma lo si vuole fare coinvolgendo in maniera concreta chi, in questo campo, si spende ogni giorno“.

Sburocratizzazione, pianificazione commerciale in ambito comunale e regionale, commercio online, mercato del chilometro zero, riorganizzazione dei mercati rionali storici, programmazione di vendite promozionali e saldi, esigenze della piccola e grande distribuzione, conciliazione dei tempi di vita e di lavoro sono alcuni dei grandi temi segnalati dalle associazioni di categoria che saranno affrontati nel ddl messo a punto.

Fondamentale – afferma ancora Ragusa – incontrare i rappresentanti del mondo del commercio per comprendere quali possono essere le variazioni utili a intervenire in un settore dove i cambiamenti e le evoluzioni sono ormai velocissimi. Un aspetto che è stato messo a punto con grande attenzione ha a che vedere con il capitolo semplificazioni. Previsto il rafforzamento del percorso già avviato di modulistica unica; per quanto riguarda le attivita’ commerciali su aree private, gli esercizi di vicinato saranno attivabili con la Scia, mentre le medie strutture di vendita avranno bisogno di un’autorizzazione, nel rispetto delle previsioni del Piano comunale di urbanistica commerciale. Nel disegno di legge si affronta anche il tema scottante delle giornate e degli orari di lavoro“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.