Condividi

Riina a processo per minacce al direttore del carcere di Opera

martedì 7 Marzo 2017
riina

Totò Riina è accusato di minacce aggravate nei confronti del direttore del carcere di Opera Giacinto Siciliano sulla base di alcune intercettazioni ambientali effettuate quattro anni fa nella casa di reclusione milanese dove era detenuto il boss di Cosa Nostra. Il processo è iniziato davanti alla sesta sezione penale di Milano e nella prossima udienza, fissata per il 27 giugno, verrà ascoltato Siciliano, parte civile nel dibattimento.

Riina - Lorusso

Dalle captazioni, disposte dalla Dia di Palermo nel 2013 mentre il ‘capo dei capi’ di Cosa Nostra parlava, durante l’ora d’aria, col capomafia della Sacra Corona Unita Alberto Lorusso, erano emersi anche presunti propositi di attentato nei confronti del pm di Palermo Nino Di Matteo. In quelle ore di intercettazioni, poi, Riina, stando all’imputazione del pm di Milano Bruna Albertini, avrebbe minacciato anche il direttore di Opera. Oggi il capomafia ha partecipato all’udienza in videoconferenza dal carcere di Parma steso su una lettiga a causa delle sue precarie condizione di salute.

 

Oggi i giudici hanno dato l’incarico ad un perito per trascrivere le intercettazioni al centro del processo, mentre il pm ha anche fatto acquisire agli atti alcuni brogliacci. Il legale del boss mafioso, l’avvocato Luca Cianferoni, sostituito oggi in udienza dal collega Mirko Perlino, ha indicato nella lista dei testimoni, tra gli altri, il cappellano del carcere di Opera, uno psicologo ed un educatore. Nella prossima udienza, invece, testimonierà il direttore Siciliano, parte civile con il legale Antonella Calcaterra e oggi rappresentato in aula dall’avvocato Alessandro Bastianello.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.