Condividi

Sanità: a Catania il primo trapianto di utero in Italia

sabato 22 Agosto 2020
medici

Eseguito al Centro Trapianti del Policlinico di Catania, in collaborazione con l’Azienda ospedaliera Cannizzaro, il primo trapianto di utero in Italia.

L’equipe composta dai professori Pierfrancesco e Massimiliano Veroux, Paolo Scollo e Giuseppe Scibilia ha effettuato il delicato intervento su una paziente di 30 anni alla quale è stato trapiantato l’organo.

La donna, siciliana, è in buone condizioni di salute.

“È un motivo di grande orgoglio per la sanità di tutto il nostro Paese. La testimonianza stessa di un miracolo ‘umano’ che restituisce vita grazie al gesto di estrema generosità di una donatrice. Ai medici e a tutti i professionisti impegnati in questa impresa, i complimenti ed il ringraziamento di tutto il governo regionale e del popolo siciliano”, ha commentato il presidente della Regione, Nello Musumeci.

Gli fa eco l’assessore alla Salute, Ruggero Razza: “Una grande sinergia tra Centro Nazionale e Regionale dei Trapianti, Sistema sanitario regionale e, soprattutto, reso possibile per la grande competenza e capacità che i medici siciliani riescono ad esprimere, a livelli altissimi”. 

Riferendosi alle strutture ospedalieri siciliane e al fenomeno del cosiddetto ‘turismo sanitario’ verso il Nord Razza poi sottolinea: “La migrazione non incide oltre 7% ed è in costante decrescita. Speriamo si prosegua così. Perché non siamo secondi a nessuno“.

“EVENTO STORICO  PER L’ITALIA”

“Un evento storico” per l’Italia: il Centro Nazionale Trapianti (Cnt) definisce così il primo trapianto di utero eseguito in Italia, nel Centro trapianti del Policlinico di Catania in collaborazione con l’Azienda ospedaliera Cannizzaro, realizzato dopo una ricerca durata 14 mesi e che ha coinvolto tutta la Rete trapiantologica nazionale.

Realizzato sulla base di un protocollo approvato dal Centro nazionale trapianti nel giugno 2018, l’intervento è stato eseguito su una donna nata priva di utero a causa della rara malattia congenita chiamata sindrome di Rokitansky.

La donna che per prima in Italia ha ricevuto un trapianto di utero è in buone condizioni, ma ci vorranno alcuni giorni per poter stabilire se l’intervento è effettivamente riuscito. “In questo momento – rileva il Cnt – le condizioni della paziente sono buone e vengono strettamente monitorate. Sarà necessario attendere alcuni giorni per una valutazione effettiva della piena riuscita del trapianto”.

L’obiettivo previsto dal protocollo sperimentale, informa il Centro Nazionale Trapianti, è ottenere una gravidanza della paziente trapiantata. Il primo passo in questa direzione è la riuscita del trapianto dell’organo da un punto di vista funzionale.

Almeno un anno dopo l’intervento, una volta stabilizzato il quadro clinico, il protocollo prevede l’avvio di un percorso di procreazione medicalmente assistita. Se la gravidanza procederà positivamente, si prevede di arriva al parto tramite il taglio cesareo. A nascita avvenuta, si prevede di rimuovere l’utero chirurgicamente per evitare che la donna debba essere ulteriormente sottoposta alla terapia immunosoppressiva necessaria a evitare il rigetto dell’organo.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.