Condividi

Sgominata banda di spacciatori a Catania, arrestato anche ex giocatore rossoazzurro | FOTO

lunedì 16 Dicembre 2019
droga

LE FOTO DEGLI ARRESTATI

La polizia di stato ha smantellato una grossa “piazza di spaccio” operativa nella zona di piazza Caduti del Mare a Catania.

Secondo l’accusa, era stata affidata alla gestione per la vendita di cocaina di un ex calciatore rossazzurro, Nunzio La Torre, per conto del clan Cappello-Bonaccorsi.

Un altro gruppo, guidato da Salvatore Indelicato, si occupava della marijuana.

L’INDAGINE

L’indagine, coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia, è stata avviata nel settembre del 2018 dalla Squadra Mobile di Catania. Essa ha avuto, quale suo obiettivo principale, quello di monitorare una delle “piazze di spaccio” storiche del quartiere di San Cristoforo, ovvero quella ubicata in piazza Caduti del mare.

Nel corso dell’attività d’indagine sono stati acquisiti elementi certi in relazione alla esistenza di un sodalizio ben organizzato.

Il gruppo, strutturato in due sottoinsiemi, gestiva con regolarità e costanza lo spaccio di marijuana e cocaina, con un forte controllo sul territorio.

Il sistema di basava su una perfetta distribuzione dei compiti tra pusher; sull’utilizzo di vedette e custodi delle sostanze, ma anche sull’estrema fungibilità dei ruoli a seconda delle necessità del momento.

Gli acquirenti, al secondo del tipo di richiesta avanzata, venivano prontamente indirizzati al gruppo che meglio poteva soddisfarne le esigenze.

Durante l’attività di spaccio il gruppo criminale, al fine di scongiurare i controlli di polizia, oltre a servirsi di un sistema di sorveglianza ben congegnato attraverso il controllo dei punti nevralgici della piazza, utilizzava diversi luoghi per occultare le sostanze stupefacenti.

L’operazione antidroga è stata eseguita il 10 dicembre scorso con l’esecuzione di 21 fermi, e il Gip ha poi emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 25 indagati, di cui 23 in carcere e due agli arresti domiciliari.

IL RUOLO DI NUNZIO LA TORRE

Secondo l’accusa Nunzio La Torre, un passato da calciatore nel Catania, avrebbe avuto un ruolo di vertice nella gestione del traffico e dello spaccio di droga.

Secondo la Procura La Torre avrebbe versato mensilmente cifre comprese tra i duemila e gli ottomila euro nelle casse del clan Cappello-Bonaccorsi.

Tali cifre sarebbero state corrisposte per il mantenimento degli affiliati detenuti e, in particolare, per quelli che avevano un ruolo apicale.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Lombardo a Bar Sicilia: “Autonomia sfida da cogliere, con la Lega patto federativo” CLICCA PER IL VIDEO

Dall’autonomia differenziata ai precari equilibri tra partiti. Ospite della puntata di Bar Sicilia è l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo, fondatore e leader del Movimento per le autonomie

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.