Condividi
Lo studio

Sicilia e Usa contro l’Hiv: scoperto come il virus entra nelle cellule e come bloccarlo

mercoledì 16 Agosto 2023

Il virus dell’immunodeficienza umana Hiv, dagli anni ’80 a oggi, ha causato 40,1 milioni di vittime nel mondo. Oggi sono 38 milioni le persone che convivono con l’AIDS, l’ultimo stadio della malattia.

Fortunatamente non è quindi più una condanna a morte grazie alle terapie antiretrovirali che sono diventate sempre più raffinate, anche se non vi è una cura definitiva e la ricerca non si ferma.

Un nuovo studio, difatti, condotto tra Sicilia e Stati Uniti, ha dimostrato che il virus dell’Hiv usa una nuova strada per penetrare nel nucleo di una cellula sana.

“L‘Hiv può entrare nella cellula avvolto all’interno di un pacchetto di membrane che proviene dalla cellula infetta. Questi pacchetti sono chiamati ‘endosomi’. Il virus, avvolto nell‘endosoma, viaggia verso l’esterno della membrana nucleare e la spinge verso l’interno per formare ciò che chiamiamo ‘invaginazioni nucleari’. L’endosoma contenente il virus si sposta dentro l’invaginazione nucleare e da qui nel nucleo. Abbiamo scoperto un complesso di tre proteine, Vap-A, Orp3 e Rab7, necessarie perché ciò avvenga“. A spiegarlo è Aurelio Lorico dell’Università di Touro, in Nevada.

IL FARMACO

“In collaborazione con Patrizia Diana, Girolamo Cirrincione e Daniela Carbone, ricercatori dell’Università di Palermo abbiamo utilizzato un modello molecolare per sintetizzare un farmaco che blocchi la formazione del complesso proteico – spiega Lorico –. Quando abbiamo infettato i linfociti T con l’Hiv in presenza del nostro farmaco, il virus non è stato in grado di entrare nel nucleo e l’infezione è stata prevenuta”.

Ma il meccanismo molecolare e i target terapeutici rivelati dai ricercatori sembrano avere un impatto fondamentale non solo nella infezione da Hiv. Difatti i ricercatori hanno riscontrato effetti positivi anche in altre malattie come quelle neurodegenerative (Alzheimer) e quelle tumorali. Il professore Goffredo Arena, chirurgo siciliano e professore alla McGill University di Montreal, ha difatti condotto studi per spiegare la patogenesi delle metastasi nei tumori.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.