Condividi
Il tema

Siciliani fuori sede, voto ma non per tutti e solo alle Europee

venerdì 23 Febbraio 2024
Elezioni Europee 2024

I siciliani fuori sede, non tutti, potranno votare per le Europee (e solo per quelle), ma con l’obbligo di fare almeno un piccolo viaggetto. Questo in sintesi è il risultato di quanto avvenuto nella commissione Affari costituzionali del Senato, dove i partiti hanno trovato la quadra su un emendamento di Fratelli d’Italia per consentire un “importante passo avanti” (Giorgia Meloni dixit) e cioè quello del voto dei fuori sede.

Peccato che il passo in avanti sia piuttosto corto, dato che l’emendamento al dl Elezioni consentirà il voto fuori sede soltanto agli studenti –  escludendo i tantissimi lavoratori –  e solo per le Elezioni europee, mentre per le elezioni amministrative bisognerà ricorrere ai lunghi viaggi pre-elettorali.

Vediamo nel concreto cosa accadrà agli studenti siciliani fuori sede che avranno tanta, ma proprio tanta, voglia di andare a votare per le Europee. Intanto, gli studenti siciliani dovranno essere domiciliati in un comune di una regione diversa da quella del comune di residenza e per “un periodo di almeno tre mesi“.

Molto sarà determinato dal proprio domicilio tanto che l’emendamento approvato prevede due casi: il caso dello studente fuorisede che si trova in un comune diverso dal suo, ma nella stessa circoscrizione elettorale (per i siciliani è il caso meno probabile a meno che non ci sia qualche studente a Cagliari, la circoscrizione è infatti Sicilia-Sardegna) o il caso del fuorisede che si trova in una città che ricade in un’altra circoscrizione elettorale.

Nella prima situazione “gli elettori fuori sede possono votare nel comune di temporaneo domicilio. Quando invece si trovano in un comune che appartiene a un’altra circoscrizione rispetto a quella di residenza potranno votare nel comune capoluogo della regione in cui è situato il comune di temporaneo domicilio”. Ad esempio, lo studente siciliano che studia a Bergamo ha diritto di votare a Milano. In questo caso il voto verrebbe espresso “per le liste e i candidati della circoscrizione di appartenenza dell’elettore” presso delle “sezioni elettorali speciali.

Insomma una gita in treno dovrà sempre essere prevista.

Chiaramente per potere accedere al voto fuorisede i siciliani che studiano fuori regione dovranno presentare “personalmente, tramite persona delegata o mediante l’utilizzo di strumenti telematici” una domanda al Comune di residenza. “La domanda – si legge nell’emendamento – è presentata almeno trentacinque giorni prima della data prevista per lo svolgimento della consultazione ed è revocabile, con le stesse forme previste dal primo periodo, entro il venticinquesimo giorno antecedente la medesima data”. Ciò chiaramente presuppone che i comuni siciliani dovranno cominciare a prepararsi soprattutto per consentire la presentazione della domanda online.
Intanto il testo del decreto dovrà essere approvato in aula dal Senato e dalla Camera, per poi diventare definitivamente legge. Parallelamente continua la discussione della legge delega al governo che, se dovesse essere approvata, garantirebbe per i prossimi anni – dopo il decreto legislativo del governo – il voto a distanza a tutti, non solo agli studenti fuorisede.In attesa, dunque, di una normativa completa e coerente che consenta a tutti di poter votare fuori sede per ogni tipo di competizione elettorale gli studenti siciliani potranno provare a votare a patto di fare una gitarella in un capoluogo e sempre che tutto fili liscio con le burocrazie comunali.
Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.