Condividi
Le dichiarazioni

Tamajo tra la Sicilia e Bruxelles: “Sto valutando con Tajani e Schifani il percorso più giusto”

mercoledì 12 Giugno 2024

Il successo alle Europee e il boom di consensi, rimpasti in giunta e il rapporto con la Sicilia. Edy Tamajo si confermato uno dei volti principali e più rappresentativi di Forza Italia nell’Isola e intervistato dall’Ansa ha risposto in merito al suo futuro, ancora in dubbio tra gli impegni regionali e Bruxelles.  

Il segreto del mio consenso? Non esistono segreti. Anche perché non mi piacciono. Siamo una squadra di persone umili. Non ci chiudiamo nei salotti delle vie del centro delle città. Lavoriamo costantemente tra la gente con valori cardini come giustizia, legalità ed uguaglianza. Racconto un aneddoto: l’altro ieri siamo stati a Monreale a trovare il nostro amico Marco Intravaia (ex FdI) per le amministrative. Ci siamo ritrovati a mangiare pizza e frutta su una panchina scherzando e sorridendo. Forse rispetto ad alcuni siamo rimasti normali senza ubriacature politiche e puzza sotto al naso“.

Un risultato che ha confermato la sua verve elettorale, già emersa alle regionali e ancora prima alle comunali di Palermo. Perito tecnico commerciale, ex calciatore professionista dal piede educato, dicono gli amici che ne hanno seguito le gesta nel Palermo, nel Fiorenzuola e nel Trapani, Tamajo, 48 anni, è in politica da un quarto di secolo, dopo tre anni di lavoro in banca, avendo fatto tutta la gavetta: dal consigliere di circoscrizione, al consigliere comunale a Palermo, poi deputato regionale e ora alla terza legislature quindi il ruolo di assessore nel governo di Renato Schifani. Adesso l’elezione a Bruxelles. Ma in molti si chiedono, andrà al Parlamento europeo o rinuncerà facendo spazio alla prima dei non eletti Caterina Chinnici?Sto valutando con Antonio Tajani e Renato Schifani quale sia il percorso più giusto da intraprendere. Sono un uomo di partito – ha dichiarato all’Ansa – e amo follemente la mia isola. Qualunque sia la decisione continuerò a lavorare per il bene della nostra Sicilia“.

Le voci su un possibile rimpasto in giunta, visti anche gli ultimi risultati alle urne, lo vedono molto da vicino. “La mia struttura con a capo il dirigente generale Carmelo Frittitta sta facendo molto bene. E non sono io a dirlo, ma le note di stima da parte di tutte le associazioni di categoria e i report positivi che vedono la Sicilia in netto miglioramento rispetto agli scorsi anni – afferma all’Ansa – Non spetta a me decidere quale sarà il rimpasto del governo Schifani. Qualunque sia la mission assegnata, con studio e totale impegno, il presidente mi troverà pronto, nel caso, a nuove sfida. Il governatore Schifani è come se fosse un chirurgo di alta precisione. Sono certo che continueremo a viaggiare spediti per raggiungere nuovi risultati per la gente“.

Su una sua ipotetica candidatura alla presidenza della Regione Tamajo non si sbilancia: Sono uno che parla poco ed evito le polemiche – chiarisce Tamajo – Parlare di prossime candidature è fantapolitica spiccia. Lavoro quotidianamente facendo politica attiva da 24 anni. Questo il mio obiettivo. Come prossima scadenza importante ho una riunione con operai e sindacati rispetto alla riapertura dell’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese“.

Per quanto riguarda riconoscimenti dai vertici nazionali Tamajo sottolinea come “la Sicilia è stata sempre molto vicina al partito di Forza Italia, in questi anni lo sta dimostrando maggiormente: dalle elezioni comunali di Palermo, passando alle regionali, sino alle europee che hanno fatto vincere nuovamente FI con un gran numero di consensi – conclude – Sono convinto che la segreteria nazionale ha a cuore la Sicilia, le sue vertenze e tutto ciò che l’Isola sta facendo in questi anni per il segretario Tajani e per tutto il partito“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.