Condividi
La decisione

Tar Palermo, annullate le sanzioni pecuniarie ai proprietari di un’abitazione vicina alla Valle dei Templi

sabato 11 Maggio 2024

Un edificio che si trova nella zona B della Valle dei Templi di Agrigento è stato donato dal padre ai propri figli, T.G., T. F., T.S., T.A.M.. La struttura è composta da cinque elevazioni ed è stato oggetto di contenzioso con la Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Agrigento.

Tale edificio era stato realizzato e completato dal donante nel 1983, seppur in assenza di un valido titolo edilizio, il quale era stato sanato a distanza di anni nel 2004, attraverso il rilascio del nulla osta da parte della Soprintendenza.

Tuttavia nel 2021 l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana – Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, in recepimento di una nota della Soprintendenza, notificava a ciascuno dei proprietari l’ingiunzione di pagamento delle somme di denaro ai sensi dell’art. 167 del D.lgs n. 42/2004, in base a una presunta maggiore somma tra il danno causato al paesaggio ed il profitto conseguito con la realizzazione delle opere abusive.

I proprietari, con il patrocinio degli Avvocati Girolamo Rubino, Vincenzo Airò e Rosario De Marco Capizzi, ricorrevano al TAR-Palermo per ottenere l’annullamento delle ingiunzioni di pagamento disposte dall’Assessorato regionale.

In particolare, il pagamento dell’importo essendo correlato alla realizzazione di un illecito commissivo non avrebbe potuto imputarsi ai ricorrenti, non essendo gli effettivi costruttori dell’opera. Inoltre, i legali sottolineavano che non si sarebbero potute irrogare le sanzioni pecuniarie in questione perchè il fabbricato era stato ultimato prima della data di apposizione del vincolo paesaggistico introdotto dalla legge 8 agosto 1985 n. 431.

Infine, sempre gli Avvocati Rubino, Airò e De Marco Capizzi censuravano come soltanto con l’entrata in vigore della L. 431/1985 (cosiddetta Legge Galasso), i vincoli archeologici erano stati sottoposti anche a tutela paesaggistica ai sensi della L. 1497/1939. Quindi, l’applicazione della sanzione paesaggistica doveva considerarsi manifestatamente illegittima.

Con le sentenze depositate in data 2.05.2024, condividendo le argomentazioni difensive sostenute dagli Avvocati Rubino, Airò e De Marco Capizzi, il TAR-Palermo ha accolto il ricorso e per l’effetto ha annullato le sanzioni pecuniarie previste dall’art. 167 del D.lgs n. 42/04 illegittimamente irrogate ai ricorrenti.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.